Konstantin Ustinovič Černenko
Konstantin Ustinovič Černenko
Un pediatra sul web

Il ritorno del presidente

Una strana "riapparizione"

«Dottoreeeee!»
Un urlo mefistofelico mi ha perforato i timpani alle 7:45 del mattino. Mi sono girato di scatto, impaurito e stravolto, e mi si è stagliato di fronte a meno di un metro di distanza, continuando a urlare come un ossesso e senza protezione...

«Ma cosa credeva, lei e tutti gli amici suoi? Che vi avrei mollato così?
Non faccia finta di non riconoscermi! Sono venuto qualche mese fa a trovarla e lei mi ha fatto una alzata di spalle, lasciando intendere che "Noi siamo più forti, noi abbiamo risorse enormi, noi sconfiggeremo il subdolo e invisibile nemico..." E mo' come la mettiamo?».

Mi è venuto un nodo alla gola: non sono riuscito a dire niente...
Cernienko, tutto intabarrato e con il suo fiocco rosso a mo' di sciarpa, mi ha scrutato con un sorriso sardonico e gli occhi stretti e gelidi.
- Voi occidentali, filo americani, benestanti e ricchi del cazzo, mo' che dite? Pensavate veramente di poter farla franca? No. Questa è la nemesi dell'Oriente e dell'Estremo Oriente: noi siamo la Russia, i nostri cugini sono la Cina e voi sbruffoni siete... Che siete? Niente! L''Europa dobbiamo distruggerla, e con voi quegli altri sbruffoni degli americani! Vinceremo noi, non coi carri armati, le bombe, i missili ma con un nemico che neanche vedete. Ben vi sta!
- Presidente ma che dice?
- Dico che ci sono i nostri amici a distruggervi. E più aumenta la pandemia più loro godono a strozzarvi, senza che voi possiate fare nulla perché siete deboli: non avete più orgoglio, non avete più forza: il vostro buonismo vi farà sprofondare nella miseria più nera.
- Presidente la prego, non dica così. Ma si rende conto che non passa giorno che in studio non arrivino famiglie coi bambini traumatizzati...
- E allora peggio per voi.
- Ma lo sa che solo ieri una bambina di sei anni con lo sguardo impaurito e la bocca coperta dalla mascherina mi diceva di avere mal di testa, sempre mal di testa. «Natalia - mi dice la mamma - non riesce a staccare lo sguardo dalla tv. Noi spegniamo, lei riaccende e dice "Moriremo tutti", e piange!».

Mauro, subito dopo, entra timoroso in studio.
- Che mi devi fare?
- Mauro, ma cosa vuoi che ti faccia? Niente, ti do una caramella...
- No, no, tu mi vuoi fare la bua!
- Dottore, mi hanno chiamato da scuola....

Mauro dice sempre di avere mal di pancia ma l'addome è trattabile. Mauro prende la caramella e la butta via.
- Mio padre non lavora, mio padre non può andare a fare il mercato...
- Mauro, cerca di stare tranquillo.
- Dottore, ma ne verremo fuori? Qui più ci strozzano, più il virus fa danni. Chiudono, distanziano, riducono e qui le cose vanno sempre peggio. Certe volte mi viene da pensare che ci marciano, che sono contenti.
La zia incalza: «Se non funziona questo sistema,perché non provarne un altro?»
Vuoi vedere che ha ragione il presidente?

- Presidente Cernienko, allora non le dispiace di tutto questo...
- Nient'affatto: dovete stare a pane duro e acqua per dieci anni, così imparate...
Alza il pugno chiuso e scompare in una nuvola di fumo: "Adda venì baffone!".

A volte mi capita di pensare situazioni impossibili, direi sciocche, eppure lo faccio per me e lo scrivo per me, per voi, per chi volesse leggermi.

Non passa giorno che non riceva la telefonata di una mamma che recita grossomodo così: "Dottore, abbiamo fatto il tampone e io e mio marito siamo risultati positivi, i bambini la grande sì mentre il piccolo no»
- Ma voi come state? E i bambini?
- Loro bene, come se nulla fosse, non hanno neppure la tosse, la febbre è assente e mangiano come sempre.
- Bene, e voi?
- Io solo un po' di mal di testa, un forte raffreddore da circa una settimana. Mio marito si sente un po' "spezzato" dai dolori, che però con l'antinfiammatorio vanno via.
- E allora perché avete fatto i tamponi?
- Perché due domeniche fa siamo stati dai miei suoceri: il giorno dopo mio suocero ha avuto la febbre ha cominciato a tossire, e la nonna è quasi svenuta. Hanno chiamato il 118 e ora sono ricoverati tutti e due in ospedale.

Il quadro della situazione è sempre lo stesso da 10 mesi: bambini asintomatici, giovani genitori pauci sintomatici, nonni anziani messi male, nonni più vecchi malissimo.
Ne usciremo? E quando? E come? Non ho una risposta.
Tuttavia, usare il metodo Cernienko del "tutto fermo" mi sa che è servito e servirà a poco...
  • Un pediatra sul web
Un pediatra sul web

Un pediatra sul web

Rubrica di pediatria a cura del dottor Antonio Marzano - pediatra di famiglia

Indice rubrica
Altri contenuti a tema
Ti incontrerò tra non molto Ti incontrerò tra non molto Rubrica a cura del dottor Antonio Marzano - Pediatra di famiglia
La nonna Francesca La nonna Francesca Rubrica a cura del dottor Antonio Marzano - Pediatra di famiglia
Anaffettività Anaffettività Rubrica a cura del dottor Antonio Marzano - Pediatra di famiglia
Il sacrificio dei bambini Il sacrificio dei bambini «Ciascuno di noi darà il meglio di sé per questi piccoli, facendo a meno delle certezze dei pontificatori seriali»
«Fa' attenzione, visita, fa' il tuo dovere» «Fa' attenzione, visita, fa' il tuo dovere» Rubrica a cura del dottor Antonio Marzano - Pediatra di famiglia
Neanche una zanzara in giro... Neanche una zanzara in giro... Rubrica a cura del dottor Antonio Marzano - Pediatra di famiglia
Un giro sul Corsaro, con mamma, verso il mare Un giro sul Corsaro, con mamma, verso il mare Ricordi che tornano alla mente
Una famiglia speciale Una famiglia speciale Rubrica a cura del dottor Antonio Marzano - Pediatra di famiglia
© 2001-2022 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.