Radiodervish
Radiodervish
Spettacoli

I Radiodervish chiudono in bellezza il prologo della stagione di Sistema Garibaldi

Musica di qualità per l'evento conclusivo di "Maestri e margherite" alle Vecchie Segherie Mastrototaro

Musica di altissima qualità per l'evento conclusivo di "Maestri e margherite", il prologo della stagione 2019-2020 di Sistema Garibaldi. Uno spettacolo che fonde diverse influenze con la tradizione che rappresenta il patrimonio culturale del nostro territorio. I Radiodervish, accompagnati per l'occasione dalla formazione Oles, hanno chiuso il ricco programma che per quattro giorni ha reso le Vecchie Segherie Mastrototaro di via Porto il punto di riferimento e il cuore pulsante della cultura a Bisceglie.

Domenica 22 novembre si è tenuto il concerto del duo italiano di world music formatosi a Bari nel 1997 e composto da Michele Lobaccaro e Nabil Salameh, affiancato da quattro musicisti dell'Orchestra Sinfonica di Lecce e del Salento. I Radiodervish hanno riproposto alcuni dei loro maggiori successi.

Attraverso le loro canzoni si può intraprendere un fantastico viaggio alla scoperta di emozioni, paesaggi e luoghi inesplorati che soltanto la musica può evocare in tutta la sua forza. Fin dalla prima canzone il pubblico è stato "travolto" da una melodia dai tratti somatici prettamente orientali sottolineata dalle forti venature della tradizione italiana.

Nel corso della serata i Radiodervish hanno suonato alcuni dei loro brani più conosciuti tra cui "Il sogno delle lucciole"," Il sangre e il sal", "Elena", "Due soli" e una struggente versione di "Amara terra mia".

Dal punto di vista tematico e contenutistico uno dei brani che ha colpito maggiormente il pubblico è stato senza dubbio "Il sogno delle lucciole", pezzo che esprime l'attenzione dell'uomo nei confronti della natura, dedicato al ricordo di Angelo Vassallo, sindaco di Pollica che ha pagato con la vita il suo amore per l'ambiente.

Un'altra tematica di stretta attualità presente nelle canzoni dei Radiodervish è il senso di attaccamento alla propria terra e alle proprie radici, percepito in maniera viscerale nell'esecuzione de "L'avvento dei mendicanti" del compositore foggiano Matteo Salvatore.
La diversità culturale, etnica e di provenienza risuona fortemente nelle canzoni dei Radiodervish come elemento di forza che rappresenta la caratteristica basilare della loro produzione musicale. La mescolanza di codici linguistici differenti passando dall'italiano all'arabo rende i loro brani interessanti e magnetici sin dal primo ascolto. Un evento indimenticabile, giusto lancio della stagione di Sistema Garibaldi che, non a caso, avrà per titolo "Cose dell'altro mondo".
  • Musica
Altri contenuti a tema
"Ancora, ma", nuovo singolo dei Centoventitré featuring Deca "Ancora, ma", nuovo singolo dei Centoventitré featuring Deca Una collaborazione frutto dell'amicizia tra la band e il cantautore biscegliese
Primo Maggio con Viva, doppio appuntamento in diretta Primo Maggio con Viva, doppio appuntamento in diretta La mattina musica e approfondimento con “Prima di Maggio - Viva il lavoro”, nel pomeriggio l’inedito show “Mai dire Primo Maggio”
Coronavirus, Sounband unita virtualmente per eseguire "Halleluja" Coronavirus, Sounband unita virtualmente per eseguire "Halleluja" L'iniziativa on line del gruppo musicale biscegliese
Andiel alla finalissima del premio "Pigro" a CasaSanremo Andiel alla finalissima del premio "Pigro" a CasaSanremo Il giovane cantautore biscegliese ha vinto la semifinale con l'emozionante singolo "Ho sognato un mondo"
“Peic”, fuori il videoclip del nuovo singolo di Deca “Peic”, fuori il videoclip del nuovo singolo di Deca La descrizione della bellezza dell’amore vissuto e ricambiato
“Uragano di stelle”, terzo singolo di Sarah Di Pinto “Uragano di stelle”, terzo singolo di Sarah Di Pinto La raffigurazione dell'amore nelle sue diverse sfumature
Concerto natalizio del coro "Le verdi note" Concerto natalizio del coro "Le verdi note" Solidarietà e musica unite nell'evento organizzato dalla Fondazione Dcl
"Ho sognato un mondo", musica messaggera di pace per l'Accademia Biagio Abbate "Ho sognato un mondo", musica messaggera di pace per l'Accademia Biagio Abbate Appuntamento a lunedì 16 dicembre presso il Teatro Politeama Italia
© 2001-2020 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.