Campagna di sensibilizzazione dell'Aido
Campagna di sensibilizzazione dell'Aido
Associazioni

L'emergenza Coronavirus non ferma l'attività di sensibilizzazione dell'Aido

Domenica la Giornata nazionale per la donazione e il trapianto di organi e tessuti

Questa volta, purtroppo, l'Aido non potrà essere nelle piazze di tutta Italia (e in quelle di Bisceglie, come accade da diversi anni). L'emergenza Coronavirus, però, non ferma la lodevole attività di sensibilizzazione dell'associazione italiana donatori di organi, tessuti e cellule.

«In questo triste periodo, tutta l'attenzione è stata rivolta alla riorganizzazione ed al potenziamento delle strutture sanitarie e ospedaliere affinché potessero far fronte al bisogno di posti ad hoc per accogliere e curare i contagiati e sottrarre quante più persone possibili ad un destino letale. Nonostante ciò i deceduti sono tantissimi» hanno spiegato dall'Aido.

«L'emergenza ha forzato la concentrazione di ingenti risorse per la gestione del Covid 19; si è cercato di garantire il trattamento sanitario di patologie la cui cura non è procrastinabile, ma sono stati rimandati esami specialistici, visite e day service necessari per agire in maniera preventiva, interventi non ritenuti urgenti. Passano sotto silenzio le difficoltà, a causa della solitudine, della segregazione in casa e della mancanza di lavoro di quanti soffrono di malattie psichiche e delle ansie di quanti (e sono tanti anche a Bisceglie) vivono nella speranza di un trapianto.

Eppure i Centri trapianti in tutta Italia e anche al sud hanno continuato a operare poiché il trapianto rientra nei Livelli essenziali di assistenza ed è sempre un intervento urgente perché altrimenti si perderebbero gli organi che si rendono disponibili. Purtroppo, per le caratteristiche stesse annesse alla imprevedibilità del donatore, tali interventi, sempre positivi, spesso passano sotto silenzio.
In occasione della Giornata nazionale della donazione degli organi, che si celebra quest'anno il 19 aprile, vogliamo ricordare solo alcuni trapianti che sono avvenuti in Puglia ed in Italia solo nei primi giorni di aprile:
  • 31 marzo: i reni di un ventottenne deceduto in Svizzera sono stati trasportati fino a Chiasso da ambulanza elvetica e poi dalla Croce Rossa italiana alle Molinette di Torino ed hanno salvato la vita ad un bimbo e ad un giovane
  • Il 1 aprile mattina da un giovane donatore sono partiti: il cuore per Milano; la porzione sinistra del fegato a Bergamo per un bambino in urgenza nazionale; la parte destra del fegato ed i due reni per Torino
  • Il 1 aprile sono stati donati fegato e reni da una donna 76enne di Minervino che aveva manifestato la volontà in vita che sono stati trapiantati a Bari e a Palermo
  • Il 2 aprile un aereo dell'Aeronautica Militare ha trasportato dalla Turchia le cellule emopoietiche di un donatore turco che sono state trapiantate ad un bambino di due anni all'Ospedale Bambino Gesù di Roma
  • Sempre il 2 aprile all'Ospedale di Andria sono state donate le cornee di una ottantenne, donazione autorizzata dal fratello. E' questo il 16° trapianto del 2020 e la seconda donazione dall'inizio dell'epidemia nell'ospedale andriese
  • Il 2 e 3 aprile due interventi presso l'ospedale Bambino Gesù di Roma: un trapianto di fegato su una bimba di due anni ed un trapianto di cuore su una ragazzina di 10 anni
  • Il 6 aprile un 29enne alle Molinette di Torino, ricoverato per sospetto contagio Covid, è stato salvato grazie ad un trapianto di fegato perché affetto da epatite B fulminante
  • Ancora nella notte del 6 aprile a Padova è stata salvata una ragazzina di 11 anni con insufficienza renale terminale grazie al rene di un donatore deceduto. In questo periodo a Padova sono stati sospesi i trapianti da donatori viventi.
  • All'Ismett di Palermo sono stati effettuati quattro trapianti in 48 ore con organi provenienti dagli ospedali di Ragusa e di Messina: tre trapianti di polmone in pazienti affetti da grave insufficienza respiratoria terminale e uno combinato fegato-rene su un giovane di 38 anni.
  • Il 7 aprile a Salve, in Salento, i genitori hanno donato gli organi della figlia 15enne deceduta per emorragia cerebrale in seguito ad un malore
  • Il 10 aprile al Cardarelli di Napoli ci sono stati due trapianti di fegato in 24 ore.
  • L'11 aprile a Brindisi dal dono dei figli di una 56enne deceduta cinque persone continueranno a vivere. Si sono mosse cinque equipe mediche: cardiochirurgia di Napoli, chirurgia toracica di Roma, chirurgia generale di Bari, urologia e oculistica di Brindisi
  • Il 12 aprile al Policlinico di Bari, centro di eccellenza nel settore trapianti, in poche ore sono stati trapiantati da due donatori reni e fegato a cinque pazienti cinquantenni.
Questi pochi casi, che la grande stampa non cita, dimostrano come anche nella pandemia, in un momento difficilissimo per tutto il sistema sanitario pubblico, l'attività dei trapianti prosegue tra enormi difficoltà e regge grazie alla abnegazione di tante equipe mediche che si spostano da un ospedale all'altro, alla competenza del personale medico, infermieristico, tecnico, di anestesisti e rianimatori in grado di occuparsi di tante situazioni disperate in modo controllato e sicuro nonostante la grave situazione per la diffusione del Coronavirus.

Il sistema dei trapianti, pur profondamente ferito dallo sconvolgimento degli ospedali e delle rianimazioni, dalla dislocazione di anestesisti e rianimatori in reparti Covid 19, ha continuato a reggere. E il sud regge, come dimostrato dai casi succitati.

Ma un grande grazie si deve dire a quanti consapevolmente in vita hanno firmato l'atto olografo di donazione e/o a quei parenti che, con gesto di grande altruismo e solidarietà umana, permettono che ciò avvenga in un momento di grande dolore, a volte di dramma, per la perdita di una persona cara.

Le notizie positive di trapianti portano con sé, come un dono, un segno di speranza, di solidarietà, di amore per il prossimo. I gesti di disinteressato ed edificante altruismo, che moltiplicano la vita, sono tanto più importanti in questo tempo sospeso e di urgenze dettato dal Covid, non bloccano i ritmi ospedalieri, ma rafforzano la fiducia nel domani, restituiscono sia la certezza che questo incubo finirà sia la speranza in tanti pazienti in attesa di trapianti.

Ecco perché è importante continuare, anche attraverso i social, l'azione di sensibilizzazione a sostegno della donazione.

L'Aido c'è e aspetta "il contagio della solidarietà", come suggerisce il presidente Mattarella, "il contagio della speranza" per chi è in attesa di un trapianto. L'atto di donazione degli organi è il migliore augurio di continuità della vita per un pronto passaggio dalla malattia alla guarigione».
  • AIDO
  • Aido Bisceglie
  • donazione Organi
  • Covid
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti

1872 contenuti
Altri contenuti a tema
Il piccolo Domenico, 5 mesi, guarito dal Covid Il piccolo Domenico, 5 mesi, guarito dal Covid Il ringraziamento della mamma al personale dell'ospedale di Bisceglie: «Angeli travestiti da astronauti»
Campagna vaccinale, Caracciolo: «Ingenerose le critiche a Emiliano e Lopalco» Campagna vaccinale, Caracciolo: «Ingenerose le critiche a Emiliano e Lopalco» Il consigliere regionale dem: «A parlare sono e saranno i fatti»
Quasi 1800 guariti in Puglia nelle ultime 24 ore Quasi 1800 guariti in Puglia nelle ultime 24 ore Gli attualmente positivi scendono sotto quota 50mila
Scuola, Emiliano: «Continueremo con la libertà di scelta» Scuola, Emiliano: «Continueremo con la libertà di scelta» Il governatore pensa a una proroga dell'ordinanza fino al 15 maggio: «Non possiamo costringere le famiglie a riportare i figli in presenza»
«Scuola, subito tamponi antigenici per studenti e personale» «Scuola, subito tamponi antigenici per studenti e personale» L'appello dei sindacati all'assessore Leo: «Puglia in profondo rosso e la didattica a distanza sta mostrando tutti i propri limiti»
Emiliano: «Costretti a rallentare per la mancanza di vaccini» Emiliano: «Costretti a rallentare per la mancanza di vaccini» Il governatore: «Chiesto un anticipo dei carichi. Se avessimo le dosi per tutti, potremmo mettere in sicurezza la popolazione entro l'estate»
Cala il dato degli attualmente positivi in Puglia Cala il dato degli attualmente positivi in Puglia Oltre 1500 guariti e 46 decessi nelle ultime 24 ore
Campagna vaccinale, ancora troppa confusione Campagna vaccinale, ancora troppa confusione Sospesa la possibilità di vaccinarsi "a sportello" ma ignari utenti, convocati nei giorni scorsi da un call center, si sono presentati comunque al PalaCosmai
© 2001-2021 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.