Antonio Acquaviva
Antonio Acquaviva
Attualità

La Cassazione riconosce il nesso tra uranio impoverito e tumori. Una prima vittoria nel ricordo di Antonio Acquaviva

Sentenza fondamentale per comprendere meglio cosa accadde su diversi teatri di operazioni belliche

Farà giurisprudenza? È l'auspicio dei familiari del biscegliese Antonio Acquaviva e di altri componenti dell'Esercito deceduti o ammalatisi in questi anni.

La Corte di Cassazione ha riconosciuto «il nesso causale tra uranio impoverito e patologie tumorali e riconosciuta la "colpa" dell'Amministrazione della Difesa nell'aver ignorato i pericoli nell'esporre i nostri militari su teatri operativi in cui vi era stato l'utilizzo di munizionamento all'uranio impoverito» rigettando due motivi del ricorso avanzato dal ministero contro la decisione della Corte d'appello di Roma che aveva confermato la condanna in primo grado della Difesa per "condotta omissiva", non avendo protetto adeguatamente il caporalmaggiore sardo Salvatore Vacca, morto di leucemia l'8 settembre 1999 a 23 anni dopo aver partecipato a una missione in Bosnia-Erzegovina con la brigata "Sassari", nel novembre 1998.

Un pronunciamento fondamentale per poter meglio comprendere cosa accadde su diversi teatri delle "missioni di pace" in cui sono stati protagonisti migliaia di militari italiani fin dagli anni '90. Secondo quanto stimato sarebbero 361 i decessi e ben 7000 gli ammalati a seguito di spedizioni condotte in assenza di informazioni precise sui rischi per la salute dei soldati, a fronte degli equipaggiamenti monstre dei colleghi statunitensi, come minimo più prudenti e forse più consapevoli di quali fossero le condizioni delle aree in cui hanno prestato servizio.

L'esito dei lavori della quarta Commissione parlamentare d'inchiesta è un disegno di legge ripreso dall'attuale governo gialloverde e in particolare dal ministro della Difesa Elisabetta Trenta che dovrebbe portare ad azioni concrete nei riguardi delle famiglie coinvolte.

Antonio Acquaviva, Brigadiere capo dei Carabinieri morto a 56 anni il 22 maggio del 2016 a causa di un cancro al pancreas, ha partecipato a due spedizioni in Kosovo (nel 1999 e nel 2003), una in Bosnia-Erzegovina, in Afghanistan, in Libano e in Iraq. In sua memoria e per quella di altri militari che hanno sacrificato le loro vite un paese civile farebbe bene a svelare, qualora ci fossero, omissioni e responsabilità, formulando esemplari punizioni.
  • uranio impoverito
  • Cassazione
  • Antonio Acquaviva
  • Kosovo
Altri contenuti a tema
Una proposta di legge per consentire ai militari il diritto di formare sindacati Una proposta di legge per consentire ai militari il diritto di formare sindacati Presentata dal Movimento 5 Stelle col supporto del parlamentare biscegliese Davide Galantino, è condivisa dal ministro della difesa Elisabetta Trenta
© 2001-2018 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.