Francesco La Notte
Francesco La Notte
Politica

La Notte sul Recovery fund: «La quota per il sud va rivista al rialzo»

Il consigliere regionale biscegliese: «Necessari interventi strutturali e investimenti»

Ridurre il gap in termini di sviluppo economico e infrastrutturale tra le due parti d'Italia è senza dubbio fra i principi ispiratori per l'utilizzo del Recovery fund. Lo sa benissimo anche il biscegliese Francesco La Notte, consigliere regionale del gruppo "Popolari con Emiliano". «La Puglia contrinui a distinguersi nel Mezzogiorno per i grandi passi in avanti compiuti negli ultimi anni» ha affermato, augurandosi che la conferenza Stato-Regioni sia il luogo istituzionale idoneo «per ribadire, con fermezza, il principio secondo il quale i soldi devono essere investiti per ridurre le differenze ancora esistenti sul territorio nazionale».

La Notte è perentorio: «Nella bozza del Piano di ripresa e resilienza che è stato discusso in consiglio dei ministri, le risorse del Recovery Fund assegnate alle regioni dell'Italia meridionale sono di gran lunga inferiori alle aspettative. È inaccettabile che al sud vada la quota residuale del 34%, soprattutto considerando che l'Europa ha attribuito i fondi tenendo conto della popolazione, del reddito pro-capite e del tasso medio di disoccupazione negli ultimi cinque anni».

Ne consegue, secondo il professionista biscegliese, che «se tra gli obiettivi del piano c'è quello di ridurre il divario tra le aree interne ai diversi Paesi membri, allora pensare di utilizzare un parametro ordinario - qual è la percentuale del 34% di ripartizione della spesa pubblica nazionale - per un intervento di investimenti straordinario e di carattere europeo, è una scelta ingiusta dal punto di vista sociale. I soldi del Recovery Fund non serviranno a coprire la spesa corrente, bensì a finanziare interventi strutturali e investimenti che si riveleranno strategici sul medio e lungo periodo» ha puntualizzato.

«L'Italia ha ottenuto ben 209 miliardi di risorse da Bruxelles proprio perché il divario tra sud e nord del Paese è stato riconosciuto come il più ampio tra le nazioni europee. La Regione Puglia, forte di una comunanza di intenti in questo senso tra maggioranza e opposizione, deve spingere affinché quella percentuale sia rivista al rialzo» ha concluso La Notte.
  • Regione Puglia
  • Consiglio regionale
  • Economia
  • governo
  • Francesco La Notte
Altri contenuti a tema
Campagna vaccinale, Caracciolo: «Ingenerose le critiche a Emiliano e Lopalco» Campagna vaccinale, Caracciolo: «Ingenerose le critiche a Emiliano e Lopalco» Il consigliere regionale dem: «A parlare sono e saranno i fatti»
Quasi 1800 guariti in Puglia nelle ultime 24 ore Quasi 1800 guariti in Puglia nelle ultime 24 ore Gli attualmente positivi scendono sotto quota 50mila
Scuola, Emiliano: «Continueremo con la libertà di scelta» Scuola, Emiliano: «Continueremo con la libertà di scelta» Il governatore pensa a una proroga dell'ordinanza fino al 15 maggio: «Non possiamo costringere le famiglie a riportare i figli in presenza»
25 aprile e 1 maggio, sindacati chiedono chiusura delle attività di vendita 25 aprile e 1 maggio, sindacati chiedono chiusura delle attività di vendita La lettera è stata inviata al presidente della Regione Michele Emiliano
Emiliano: «Costretti a rallentare per la mancanza di vaccini» Emiliano: «Costretti a rallentare per la mancanza di vaccini» Il governatore: «Chiesto un anticipo dei carichi. Se avessimo le dosi per tutti, potremmo mettere in sicurezza la popolazione entro l'estate»
Cala il dato degli attualmente positivi in Puglia Cala il dato degli attualmente positivi in Puglia Oltre 1500 guariti e 46 decessi nelle ultime 24 ore
Campagna vaccinale, ancora troppa confusione Campagna vaccinale, ancora troppa confusione Sospesa la possibilità di vaccinarsi "a sportello" ma ignari utenti, convocati nei giorni scorsi da un call center, si sono presentati comunque al PalaCosmai
Un pass per gli spostamenti tra le regioni Un pass per gli spostamenti tra le regioni Servirà per muoversi in zone di colore diverso
© 2001-2021 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.