Le conseguenze dell'esplosione dell'ordigno
Le conseguenze dell'esplosione dell'ordigno
Cronaca

Ordigno intimidatorio a Foggia contro struttura del gruppo Telesforo

I componenti del management di Universo Salute nel mirino della criminalità organizzata

Un ordigno è esploso alle prime luci dell'alba di giovedì 16 gennaio davanti alla sede della struttura per anziani "Il sorriso di Stefano" a Foggia, riconducibile al gruppo "Sanità più" della famiglia Telesforo, già presente nel management di Universo Salute, la società che gestisce i complessi aziendali dell'Opera Don Uva di Bisceglie, del capoluogo dauno e di Potenza.

La bomba, con ogni probabilità collocata da un solo individuo incappucciato secondo quanto sostenuto da alcuni teestimoni, ha causato danni esterni al centro, fra cui la rottura di un'insegna luminosa, oltre che ad alcune auto parcheggiate in sosta. Illesa, per fortuna, l'addetta alle pulizie che si trovava all'interno.

«La squadra di manutentori del nostro gruppo ha già ripristinato i locali e sta accogliendo con il calore di sempre i nostri 30 ospiti.
Noi andiamo avanti. Con la vostra solidarietà e con fiducia nelle istituzioni, nella magistratura, nelle forze dell'ordine e nella giustizia» hanno fatto sapere i referenti della struttura.

L'episodio segue quello che è accaduto il 3 gennaio, quando un ordigno ha causato l'esplosione dell'auto di Cristian Vigilante - fratello del vicepresidente di Universo Salute Luca - responsabile delle risorse umane della residenza sanitaria assistenziale "Il sorriso" e testimone nel processo «Decima azione» a carico di 29 presunti esponenti della mafia foggiana, su alcuni dei quali pende l'accusa di estorsione.

«Ci sono le indagini. Siamo tutti esterrefatti, compresi gli inquirenti. Perché una cosa del genere non era mai accaduta», ha aggiunto Luca Vigilante. «Il centro è regolarmente aperto. Agli autori del gesto dico basta, dico di cambiare vita, cosi non si ottiene nulla».

Quinto attentato incendiario in appena sedici giorni dall'inizio dell'anno a Foggia. «Lo stato e i cittadini non abbassano la testa. Gli inquirenti sono già al lavoro e non daremo tregua a chi pensa, con la violenza, di esiliare legalità, libertà e giustizia. Vinceremo insieme questa battaglia» ha commentato su twitter il primo ministro Giuseppe Conte.

in via Vincenzo Acquaviva, 37 riconducibile alla famiglia Telesforo già nel mirino della malavita. Sul posto vigili del fuoco e forze dell'ordine.
Ad inizio anno, ignoti avevano piazzato una bomba sotto l'auto del responsabile del personale della Rssa "Il Sorriso" (sempre dei Telesforo), Cristian Vigilante. È il quinto attentato incendiario in due settimane nel capoluogo dauno.
  • Universo Salute
  • Universo Salute Opera Don Uva
Altri contenuti a tema
Boccia sulla bomba a Foggia: «Questi vigliacchi saranno annientati» Boccia sulla bomba a Foggia: «Questi vigliacchi saranno annientati» Il ministro biscegliese: «Inaccettabile attacco allo Stato»
Un bando di cessione degli immobili ex Cdp non funzionali all'attività sanitaria Un bando di cessione degli immobili ex Cdp non funzionali all'attività sanitaria Due dei tre lotti localizzati a Bisceglie
Presepe vivente nell'Opera Don Uva, un'iniziativa di successo Presepe vivente nell'Opera Don Uva, un'iniziativa di successo Due appuntamenti riusciti e dal significato molto profondo, con gli ospiti e gli operatori protagonisti
Massiccia partecipazione al convegno su consenso informato e testamento biologico Massiccia partecipazione al convegno su consenso informato e testamento biologico L'incontro è stato organizzato dall'area comunicazione di Universo Salute
Convegno su consenso informato e testamento biologico nella sala congressi di Universo Salute Convegno su consenso informato e testamento biologico nella sala congressi di Universo Salute Dibattito venerdì 6 dicembre, in mattinata, con ospiti di rilievo nazionale
Simonetta Agnello Hornby presenta "Siamo Palermo" Simonetta Agnello Hornby presenta "Siamo Palermo" Appuntamento promosso da Vecchie Segherie Mastrototaro e Circolo dei lettori nella neonata biblioteca interna di Universo Salute
Vertenza Pastore risolta, ma è polemica tra i sindacati Vertenza Pastore risolta, ma è polemica tra i sindacati L'Usppi: «Una nostra vittoria». La Fisascat-Cisl: «Ma se non erano neppure presenti al tavolo...»
L'Usppi: «Nessun accordo, Pastore conferma i nove licenziamenti» L'Usppi: «Nessun accordo, Pastore conferma i nove licenziamenti» Il segretario Brescia chiede a Telesforo (Universo Salute) di fare da mediatore
© 2001-2020 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.