Biagio D'Alberto (a sinistra) durante la manifestazione del primo maggio a Bisceglie. <span>Foto Ignazio Ardito</span>
Biagio D'Alberto (a sinistra) durante la manifestazione del primo maggio a Bisceglie. Foto Ignazio Ardito
Economia e lavoro

Primo maggio, D'Alberto: «Il lavoro che cambia mette a rischio le tutele»

Le parole del segretario Cgil Bat: «La sfida del sindacato è salvaguardare gli strumenti per la difesa di tutti i lavoratori»

«Questa provincia presenta il più basso livello di sviluppo della Puglia e uno dei più bassi nel Mezzogiorno. Una conclusione alla quale si arriva analizzando una serie di criticità ma che contiene anche in sé una sfida da cogliere: risalire la china partendo da alcuni di potenziali inespressi di cui questo territorio detiene i primati, come l'agroalimentare e turismo, per creare anche nuove opportunità di occupazione e lavoro. Bisogna considerare che stiamo vivendo l'epoca, anche a causa del Covid, del lavoro che cambia e delle trasformazioni tecnologiche le cui conseguenze si ripercuotono anche sulla qualità stessa del lavoro». Biagio D'Alberto, segretario generale Cgil Bat, è intervenuto così a margine delle manifestazioni in occasione della Festa del lavoro cui ha partecipato a Bisceglie (link all'articolo) e Barletta. Iniziative si sono tenute anche a Trani e Andria.

«Siamo di fronte a un nuovo modo di produrre e commercializzare beni e servizi che sta però cambiando le dinamiche del mercato del lavoro e la vita sociale dei lavoratori. Trasformazioni guidate dall'intreccio tra digitalizzazione e innovazione» ha aggiunto il numero uno provinciale della principale organizzazione sindacale. «C'è anche un'altra sfida che è quella della sostenibilità sociale dentro il nuovo sistema economiche che crea nuova ricchezza e maggiore benessere: chi prima riesce a cogliere le opportunità della transizione e il vantaggio offerto delle nuove tecnologie avrà più opportunità e così le aziende potranno creare nuovi posti di lavoro.

Bisogna comprendere però come governare questi cambiamenti nel senso che se lasciamo che avvengano in maniera "spontanea" potranno portare a un peggioramento della situazione occupazionale perché spingere le imprese verso l'innovazione tecnologica e verso la cultura digitale determina inevitabili cambiamenti sulla qualità e sulla quantità del lavoro e quindi sulla vita sociale delle persone. È necessario tali processi con le relazioni sindacali e contrattuali, accordi che salvaguardino le condizioni sociali del lavoratore soprattutto perché in questa fase la creazione delle nuove attività spesso priva gli addetti della copertura previdenziale e della regolamentazione della stessa attività. Nuovi servizi generano nuovi posti di lavori ma anche, purtroppo, impoverimento degli strumenti di tutela fondamentali: la sfida è salvaguardarli e proteggerli. Ed è l'impegno che abbiamo assunto in questa festa del lavoro che cambia» ha concluso D'Alberto.
  • CGIL
  • Cgil Bat
  • primo maggio
  • Biagio D'Alberto
Altri contenuti a tema
Mercoledì a Bisceglie "Nello", il pullmino dei diritti Spi-Cgil Mercoledì a Bisceglie "Nello", il pullmino dei diritti Spi-Cgil Pelagio: «Importante rendere i pensionati consapevoli»
Scuola, i sindacati: «Difficile il rientro in presenza al 100% a settembre» Scuola, i sindacati: «Difficile il rientro in presenza al 100% a settembre» Problema principale le classi pollaio: «Un anno e mezzo di emergenza sanitaria non ha insegnato nulla alla politica»
Primo maggio, Angarano: «Vicini a chi ha perso il lavoro» Primo maggio, Angarano: «Vicini a chi ha perso il lavoro» Commemorazione davanti al monumento dedicato a Giuseppe Di Vittorio
1° maggio, Coldiretti: «Crack per bar, ristoranti, pizzerie e agriturismi» 1° maggio, Coldiretti: «Crack per bar, ristoranti, pizzerie e agriturismi» «Una situazione di difficoltà che ha fatto chiudere il 14.4% delle attività del settore»
1° maggio, nessun obbligo di chiusura per le attività commerciali 1° maggio, nessun obbligo di chiusura per le attività commerciali Saracinesche alzate in Puglia per la festa dei lavoratori
«Continuo confronto coi lavoratori e le categorie produttive» «Continuo confronto coi lavoratori e le categorie produttive» Primo maggio, il messaggio del Partito Democratico
Sindaco e assessori di Andria si tagliano l'indennità, paragone inevitabile con Bisceglie Sindaco e assessori di Andria si tagliano l'indennità, paragone inevitabile con Bisceglie Gli oppositori di Angarano rimarcano la mancata applicazione, al momento, della promessa di restituzione della metà del compenso da primo cittadino
«Braccianti, i conti non tornano» «Braccianti, i conti non tornano» L'analisi di Riglietti (Cgil): «Le giornate lavorarive dichiarate crescono ma il numero degli occupati scende»
© 2001-2021 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.