Masseria San Felice
Masseria San Felice
Cronaca

Savasta, spunta il pignoramento dello stipendio per la questione Masseria San Felice

I "mancati soci" del pm rivendicano la restituzione delle somme versate per la cessione - mai avvenuta - delle quote di proprietà della struttura

Il caso Masseria San Felice s'intreccia con le vicende giudiziarie recenti che riguardano Antonio Savasta, già pubblico ministero di Trani. Secondo quanto trapelato - riportato da Massimiliano Scagliarini sull'edizione di giovedì 14 febbraio del quotidiano cartaceo "La gazzetta del mezzogiorno" - l'arresto di Savasta, avvenuto lo scorso 14 gennaio, avrebbe causato la sospensione dello stipendio del pm e l'automatica cessione di una parte della somma, quota che sarebbe stata pignorata in favore di una donna barlettana, Filomena Di Lillo, moglie di Giuseppe Dimiccoli, entrambi "mancati soci" del giudice nella gestione della struttura nell'agro di Bisceglie.

L'acquisizione della struttura, nel 2005, fu finalizzata alla realizzazione di un resort di lusso. Savasta è stato condannato per falso riguardo la vicenda della costruzione di una piscina ma assolto dall'accusa di truffa ai danni di Dimiccoli, al quale, nel 2006, si sarebbe impegnato a cedere una parte di quote della proprietà di Masseria San Felice. L'intricata questione ha avuto uno strascico civile nel 2018, quando la Corte d'Appello di Bari ha accolto il ricorso di Filomena Di Lillo, stabilendo che Savasta avrebbe dovuto ristorare la somma già incassata, come da preliminare, per la cessione della partecipazione societaria.

Il pm, secondo quanto accertato, avrebbe in seguito donato la nuda proprietà di Masseria San Felice al fratello e alla sorella. I giudici di secondo grado hanno disposto il pagamento, da parte di Savasta, di 80 mila euro in favore di Filomena Di Lillo a titolo di risarcimento, lievitati a 147 mila con gli interessi e le spese di giudizio. La donna ha eseguito perciò il pignoramento dello stipendio, ricevendo 1100 euro mensili da Savasta, la cui versione dei fatti è sempre stata la stessa: il preliminare di cessione delle quote sarebbe la "garanzia" per la restituzione di un prestito effettuato dall'amico Dimiccoli. Il successivo arresto del pm ha portato alla sospensione dello stipendio, di conseguenza non pignorabile. Non è esclusa, a questo punto, un'azione di pignoramento da parte di Di Lillo (e forse anche Dimiccoli) direttamente sull'immobile di Masseria San Felice.

Un procedimento parallelo - aperto a Lecce - riguarda la presunta lottizzazione abusiva e violazione del codice dei beni culturali e del paesaggio. Antonio Savasta è accusato insieme ai fratelli Francesco Paolo ed Emilia Maria, all'amministratore di "Gestione eventi" Angelo Sanseverino, al progettista e direttore dei lavori Antonio Recchia e a due dipendenti del comune di Bisceglie, Giacomo Losapio e Giovanni Misino (ora pensionato).
  • Antonio Savasta
  • Masseria San Felice
Altri contenuti a tema
1 Savasta assolto in Cassazione per il caso del terreno adiacente a Masseria San Felice Savasta assolto in Cassazione per il caso del terreno adiacente a Masseria San Felice L'ex magistrato non commise alcun reato nelle fasi dell'acquisto dal biscegliese Cosmai
Lorusso sul caso Masseria San Felice: «L'amministrazione non faccia come le "tre scimmiette"» Lorusso sul caso Masseria San Felice: «L'amministrazione non faccia come le "tre scimmiette"» Riflessioni "a voce alta" dell'ex sindaco di Bisceglie
Replica a Biagio Lorusso su Masseria San Felice Replica a Biagio Lorusso su Masseria San Felice Laura Alfarano, cognata del giudice Savasta: «Dov'erano le istituzioni quando quel luogo era abbandonato?»
Lettera aperta di Biagio Lorusso sul caso Masseria San Felice Lettera aperta di Biagio Lorusso sul caso Masseria San Felice L'ex sindaco: «Ritengo ci siano sufficienti motivi per procedere alla revoca-annullamento della variante e del relativo permesso a costruire»
Savasta si avvale della facoltà di non rispondere, Nardi e Di Chiaro respingono le accuse Savasta si avvale della facoltà di non rispondere, Nardi e Di Chiaro respingono le accuse Il gip per tre ore sotto interrogatorio
1 In carcere due giudici già in servizio alla Procura di Trani In carcere due giudici già in servizio alla Procura di Trani Manette anche per un ispettore di polizia del Commissariato di Corato
2 Caso Masseria San Felice, rinviati a giudizio l'ex pm di Trani Savasta e i dirigenti comunali Losapio e Misino Caso Masseria San Felice, rinviati a giudizio l'ex pm di Trani Savasta e i dirigenti comunali Losapio e Misino Dovranno comparire presso il Tribunale monocratico di Lecce per rispondere delle accuse di lottizzazione abusiva e violazione del codice dei beni culturali e del paesaggio
© 2001-2019 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.