Soldi
Soldi
Economia e lavoro

Scadenze fiscali, Soldani: «Proroga al 10 dicembre inutile e dannosa»

Il presidente dell'Odcec di Trani ritiene insoddisfacente lo slittamento di pochi giorni stabilito dal Governo

Nessun progresso, anzi. I commercialisti biscegliesi, del territorio e italiani sono sempre più esasperati dall'atteggiamento delle istituzioni rispetto alla gestione delle scadenze fiscali in questa fase emergenziale. Un problema che rischia di trascinarsi in lunghissimi contenziosi con l'amministrazione centrale mentre al contrario sarebbe sufficiente un pizzico di lungimiranza e di visione strategica per venire incontro alle esigenze di una categoria professionale che da sempre è cerniera di congiunzione tra cittadini, imprese e lo Stato.

Il Governo ha prorogato alcune scadenze dal 30 novembre al 10 dicembre. «Una risposta assolutamente non soddisfacente» l'ha definita il biscegliese Antonello Soldani, presidente dell'Odcec di Trani. «Il rinvio di appena dieci giorni è del tutto inutile in un momento come quello che stiamo vivendo. Anzi, finisce per complicare ulteriormente la situazione: le difficoltà degli studi dei commercialisti alle prese con gli stop previsti dalle quarantene fiduciarie e obbligatorie, infatti, si tradurranno inevitabilmente in contenziosi formali con il fisco italiano. Contenziosi che da una parte aumenteranno il carico già insostenibile dei tribunali tributari e d'allaltra rallenteranno la capacità del Fisco di incassare le somme dovute. Eppure i commercialisti chiedono solo un po' di tempo in più» ha spiegato.

«Basterebbe arrivare ai primi giorni del nuovo anno in modo che con più tempo a disposizione e una minor pressione della pandemia, tutto possa essere risolto con soddisfazione di tutti gli attori in campo: fisco, cittadini, imprese e studi dei commercialisti. Concordo in pieno con il nostro presidente nazionale, Massimo Miani, che ha ricordato che "la proroga del termine di presentazione delle dichiarazioni non impatta sui saldi finanziari, ma al massimo sul desiderio dell'Agenzia delle Entrate di ricevere i relativi dati"» ha messo in evidenza.

«Chiediamo al Governo di decidere solo dopo aver riflettuto su quale delle due legittime aspirazioni sia totalmente fuori dalla realtà. Quella di chi, alla luce della seconda ondata di pandemia in corso, con moltissimi operatori in grave difficoltà nella gestione degli invii telematici, chiede un rinvio al 2021; oppure quella di chi, nonostante tutto, chiede l'invio come se si fosse in condizioni di normale operatività. Siamo fiduciosi che una soluzione si possa trovare per il bene di tutti. Ma bisogna fare presto» ha concluso Soldani.
  • Antonello Soldani
  • Covid
  • Ordine commercialisti
  • fisco
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti

2346 contenuti
Altri contenuti a tema
6900 positivi deceduti in Puglia dall'inizio della pandemia 6900 positivi deceduti in Puglia dall'inizio della pandemia 4632 gli attualmente positivi
Cosa si può fare senza Green pass e quando è obbligatorio Cosa si può fare senza Green pass e quando è obbligatorio Fino al 15 gennaio sarà necessario avere il Green pass base o rafforzato
Covid, sensibile aumento dei ricoveri in Puglia Covid, sensibile aumento dei ricoveri in Puglia Gli attualmente positivi superano quota 4500
Il contagio si diffonde: 369 nuovi casi positivi in Puglia Il contagio si diffonde: 369 nuovi casi positivi in Puglia Dato molto preoccupante: quasi il 15% dei ricoverati è in terapia intensiva
La curva degli attualmente positivi in Puglia sale, quella dei ricoverati scende La curva degli attualmente positivi in Puglia sale, quella dei ricoverati scende 291 nuovi contagi nelle ultime ore
Campagna vaccinale nella Bat, si procede con le terze dosi Campagna vaccinale nella Bat, si procede con le terze dosi Si attendono novità sull'attivazione dell'hub nel poliambulatorio "Arcieri"
Obbligo mascherina all'aperto, le nuove disposizioni in città Obbligo mascherina all'aperto, le nuove disposizioni in città Il Sindaco Angarano ha firmato un'ordinanza per prevenire il rischio di diffusione del contagio
Si alza ancora il numero degli attualmente positivi in Puglia Si alza ancora il numero degli attualmente positivi in Puglia Scende però il numero dei ricoverati
© 2001-2021 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.