Sequestrata discoteca sul lungomare di Bisceglie
Sequestrata discoteca sul lungomare di Bisceglie
Cronaca

Sequestrata discoteca sul lungomare

L'esercizio sarebbe risultato sprovvisto delle necessarie autorizzazioni di pubblica sicurezza e non in regola con le soglie di emissioni del rumore

I finanzieri della Compagnia di Trani hanno sottoposto a sequestro penale un noto locale biscegliese situato sul lungomare Umberto Paternostro, da non confondere con Baia delle Sirene.

Secondo quanto riscontrato dalle Fiamme Gialle, l'esercizio sarebbe risultato sprovvisto delle necessarie autorizzazioni di pubblica sicurezza e non in regola con le soglie di emissioni del rumore, con conseguente pregiudizio alla pubblica tranquillità e salubrità ambientale.

In particolare, nel corso dell'attività ispettiva, è emerso che il gestore del locale aveva trasformato un'area di accesso al mare, estesa su circa 2500 metri quadri, in attività di intrattenimento e spettacolo, senza essere in possesso delle necessarie autorizzazioni previste dal Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (Tulps).

La Guardia di Finanza, appurata l'assenza delle autorizzazioni necessarie per garantire l'idonea sicurezza degli avventori, ha apposto i sigilli alla struttura, sottoponendo a sequestro i locali e le relative attrezzature. Al momento dell'intervento erano presenti circa 1500 persone. I

Le specifiche indagini di carattere fonometrico condotte nel corso della serata con l'ausilio di personale tecnico dell'Arpa Puglia hanno consentito di accertare che le emissioni sonore prodotte dal locale erano superiori ai limiti di accettabilità stabiliti per legge, ragione per cui i finanzieri hanno proceduto al sequestro preventivo dell'impianto di diffusione sonora attivo presso il pubblico esercizio.

Il titolare è stato deferito alla Procura della Repubblica di Trani per le plurime violazioni penali rilevate. L'attività si inquadra nell'ambito dei compiti affidati alla Guardia di Finanza, in aderenza al ruolo di Polizia economico-finanziaria e conferma l'incessante impegno delle Fiamme Gialle tranesi sul territorio del comune di Bisceglie, a tutela e salvaguardia della cittadinanza locale e turistica che popola la città e il lungomare soprattutto nel periodo di villeggiatura.
  • Guardia di Finanza
Altri contenuti a tema
1 Revocati gli arresti domiciliari all'amministratore di Extrafrutta srl Revocati gli arresti domiciliari all'amministratore di Extrafrutta srl Pedone, oltre alla molese Macchia, dovrà osservare l'obbligo di dimora
Interrogatorio di garanzia per amministratore e contabile di Extrafrutta srl Interrogatorio di garanzia per amministratore e contabile di Extrafrutta srl Il loro legale avrebbe chiesto la revoca delle misure cautelari e del sequestro dei beni per un milione di euro
Particolari e riflessi dell'operazione "Macchia nera" Particolari e riflessi dell'operazione "Macchia nera" L'inchiesta coinvolge Extrafrutta, la più importante realtà produttiva e della trasformazione del comparto agricolo biscegliese
Piarulli e Galizia sull'ordine pubblico a Bisceglie: «Subito riorganizzazione e potenziamento dei presidi delle forze dell'ordine» Piarulli e Galizia sull'ordine pubblico a Bisceglie: «Subito riorganizzazione e potenziamento dei presidi delle forze dell'ordine» «Si deve esprimere solidarietà ma soprattutto far fronte all'emergenza criminalità, per non lasciare abbandonati i cittadini»
1 La Cgil plaude all'operazione "Macchia nera" della Guardia di Finanza La Cgil plaude all'operazione "Macchia nera" della Guardia di Finanza Deleonardis e Riglietti: «Quando parliamo di caporalato denunciamo la realtà»
1 Pesanti accuse ai danni dell'amministratore e dell'addetto alla contabilità di un'azienda agricola biscegliese Pesanti accuse ai danni dell'amministratore e dell'addetto alla contabilità di un'azienda agricola biscegliese Coinvolti nell'operazione anticaporalato "Macchia nera" delle Fiamme Gialle di Mola
Operazione "Macchia nera" anti caporalato della Finanza, coinvolta azienda biscegliese Operazione "Macchia nera" anti caporalato della Finanza, coinvolta azienda biscegliese Arrestate tre persone, obbligo di dimora per altre quattro, sequestrati beni per oltre un milione di euro
Sorpresi a pescare ricci sul litorale marchigiano: quattro biscegliesi multati Sorpresi a pescare ricci sul litorale marchigiano: quattro biscegliesi multati La Guardia di Finanza di Ancona ha sequestrato oltre mille esemplari
© 2001-2018 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.