Servizio civile universale
Servizio civile universale
Associazioni

Servizio civile, nuova procedura di accreditamento

Sarà necessario completarla entro il prossimo 4 maggio

La transizione verso il servizio civile universale, aperto a tutti i giovani tra i 18 e i 29 anni, è finita: da sabato 4 maggio perderanno efficacia i vecchi albi del servizio civile nazionale e tutti gli enti che intendono continuare a essere presenti sui territori e realizzare nuovi progetti di servizio civile dovranno accreditarsi al nuovo Servizio civile universale, istituito nel 2017 con la riforma complessiva del Terzo Settore.
Questo passaggio delicato sarà accompagnato, per sei mesi, da un percorso di orientamento e formazione, con la realizzazione di workshop provinciali per approfondire le procedure e i processi di accreditamento al Scu, e da una fase di assistenza tecnica per facilitare processi di aggregazione e creazione di reti partenariali.

«La regione Puglia ha organizzato questo percorso mobilitando gli uffici del Servizio Civile e incaricando un qualificato partner privato per illustrare agli enti le opportunità e le modalità di accreditamento più consone alle esigenze di ciascuno, anche attraverso la conoscenza dei soggetti presenti sul territorio» hanno spiegato dall'assessorato regionale alle politiche giovanili e all'Innovazione sociale,, sottolineando che «l'obiettivo è valorizzare l'esperienza e il patrimonio locale che in questi anni si sono sviluppati grazie agli enti del servizio civile pugliese con la consapevolezza che la sfida del Servizio Civile Universale è complessa e richiede uno sforzo organizzativo rilevante».
Un raggruppamento temporaneo d'imprese, costituito dalla cooperativa sociale "Il melograno" di Benevento, "Profin Service" srl di Bari e la società di studi economici "Nomisma" di Bologna, sarà impegnato con e per conto della regione nelle attività formative e di assistenza.

«La necessità di riformulare e ripensare l'accreditamento può essere l'occasione per sviluppare circuiti virtuosi sui territori attraverso un lavoro di rete che rafforzi i soggetti nella qualità delle opportunità da mettere in campo» ha osservato la dirigente della sezione politiche giovanili e innovazione sociale della regione Puglia che, in queste ore, ha fatto partire una lettera, indirizzata a tutti gli enti accreditati nell'albo regionale, con l'invito a pre-iscriversi al percorso di formazione e a compilare un breve questionario da restituire entro lunedì 6 maggio, che servirà a una mappatura preliminare della situazione in cui questi versano.
  • Regione Puglia
  • servizio civile
  • Servizio Civile Nazionale
Altri contenuti a tema
5 Stelle: «Stanchi delle bugie di Emiliano sull'ospedale di Bisceglie» 5 Stelle: «Stanchi delle bugie di Emiliano sull'ospedale di Bisceglie» I consiglieri regionali Galante e Conca: «Il ministero non c'entra nulla»
Fials Bat: «Necessario riclassificare l'ospedale di Bisceglie al primo livello» Fials Bat: «Necessario riclassificare l'ospedale di Bisceglie al primo livello» «L'offerta sanitaria della provincia deve essere potenziata»
Il Movimento 5 Stelle: «Ecco la verità sull'ospedale di Bisceglie» Il Movimento 5 Stelle: «Ecco la verità sull'ospedale di Bisceglie» Interviste alle parlamentari Galizia e Piarulli e al consigliere regionale Di Bari
Spina soddisfatto per la risoluzione positiva della questione punto nascita Spina soddisfatto per la risoluzione positiva della questione punto nascita «Ora lottiamo tutti uniti per ottenere il primo livello»
Emiliano: «Il ministero della salute non ha mai chiesto la disattivazione del punto nascita di Bisceglie» Emiliano: «Il ministero della salute non ha mai chiesto la disattivazione del punto nascita di Bisceglie» Il presidente della regione: «Un refuso nel documento del Dipartimento salute. Problema risolto con soddisfazione di tutti»
5 Stelle alla prova dei fatti senza più l'alibi-Galantino 5 Stelle alla prova dei fatti senza più l'alibi-Galantino Ospedale: meglio un brutto accordo consociativo che una bella manifestazione di protesta davanti a un reparto chiuso
Spina sull'ospedale: «Angarano doveva muoversi prima» Spina sull'ospedale: «Angarano doveva muoversi prima» Il consigliere di opposizione: «Il sindaco doveva sollecitare una riunione già agli inizi del 2019»
Opi Bat: «La deroga per il punto nascita non è sufficiente se Bisceglie dovesse restare ospedale di base» Opi Bat: «La deroga per il punto nascita non è sufficiente se Bisceglie dovesse restare ospedale di base» «Con la chiusura del punto nascita del "Vittorio Emanuele II", la sanità della Bat è sempre più schiacciata da Bari e Foggia»
© 2001-2019 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.