CGIL
CGIL
Attualità

Spi e Cgil Bat: «Emergenza sociale degli anziani richiede soluzioni»

Pelagio e D'Alberto: «La pandemia ha causato il loro impoverimento, incrementando solitudine e marginalizzazione»

«Una forma di welfare, sicuramente più tangibile per gli anziani, è quello creato dalla famiglia che, se disgraziatamente dovesse venire meno, porterebbe inevitabilmente a incrementare la schiera dei poveri, loro i nostri anziani. In questo scenario è importante che i Comuni siano capaci di intercettare situazioni di vulnerabilità promuovendo soluzioni efficaci e riconfermando il proprio ruolo strategico dei "nonni" nella comunità» ha affermato il segretario generale dello Spi Cgil Bat Felice Pelagio, nella convinzione che «mai come in questo momento di pandemia le emergenze sociali richiedono soluzioni indispensabili e inderogabili, a fronte della crescente crisi economica e sociale che coinvolge sempre più famiglie e in particolare gli anziani».

«La pandemia ha accentuato le difficoltà non solo dei lavoratori attivi, ma anche quelle dei tanti anziani fragili, esponendoli sempre più ad un disagio crescente, ampliato e strutturale che ha causato il loro impoverimento, incrementando solitudine e marginalizzazione. Risulta quindi indispensabile rafforzare il welfare radicandolo meglio sul territorio. E le amministrazioni comunali rappresentano sul territorio gli unici catalizzatori di interventi economici volti a trasmettere sicurezza ai nostri anziani» ha sottolineato. «Tali risorse, presenti oggi nelle disponibilità degli enti locali, dovrebbero sempre essere spese in modo omogeneo, rapido ed efficace considerando le esigenze e le necessità degli aventi diritto» ha aggiunto il segretario generale della Cgil Biagio D'Alberto.

«Per difendersi dal momento difficile che incide ulteriormente sulle condizioni di povertà abitativa, le fasce più deboli sono oggi costrette in alcuni casi a scegliere le misure di co-housing in alternativa agli sfratti. Si pone, inoltre, con forza e urgenza, la questione della sanità territoriale. Per questo sia come sindacato vogliamo collaborare con gli organi e gli enti che ne hanno titolarità con lo scopo di aumentare l'offerta sanitaria all'interno della nostra comunità, ponendo un accento forte sull'integrazione socio-sanitaria. Pensiamo sia fondamentale dare dignità agli anziani offrendo in primis un welfare dedicato e garantendo accesso a servizi sanitari di qualità sul territorio, puntando sull'invecchiamento attivo favorendo momenti di incontro e di socialità» hanno concluso.
  • CGIL
  • anziani
  • Cgil Bat
  • Covid
Altri contenuti a tema
Cala il dato degli attualmente positivi in Puglia Cala il dato degli attualmente positivi in Puglia Oltre 1500 guariti e 46 decessi nelle ultime 24 ore
Campagna vaccinale, ancora troppa confusione Campagna vaccinale, ancora troppa confusione Sospesa la possibilità di vaccinarsi "a sportello" ma ignari utenti, convocati nei giorni scorsi da un call center, si sono presentati comunque al PalaCosmai
La campagna vaccinale anti-Covid prosegue a Bisceglie e nella Bat La campagna vaccinale anti-Covid prosegue a Bisceglie e nella Bat I dati aggiornati dall'azienda sanitaria locale
Più guariti che nuovi casi nelle ultime ore in Puglia Più guariti che nuovi casi nelle ultime ore in Puglia Sono ancora oltre duemila i ricoverati negli ospedali
Lopalco: «Puglia in zona rossa per i contagi nel weekend di Pasqua» Lopalco: «Puglia in zona rossa per i contagi nel weekend di Pasqua» L'assessore alla sanità spiega l'andamento della curva in Puglia, sottolineando: «Il virus si controlla coi nostri comportamenti»
Campagna vaccinale, la Protezione Civile in cerca di volontari Campagna vaccinale, la Protezione Civile in cerca di volontari Presteranno servizio su tutto il territorio pugliese
«Un cittadino su tre desidera la riapertura dei ristoranti in Puglia» «Un cittadino su tre desidera la riapertura dei ristoranti in Puglia» L'analisi di Coldiretti: «La situazione ha tagliato pesantemente i redditi degli operatori, con un crollo del fatturato del 42% solo nel 2020»
Covid, leggera salita del numero degli attualmente positivi a Bisceglie Covid, leggera salita del numero degli attualmente positivi a Bisceglie 8368 biscegliesi hanno già ricevuto almeno la prima dose vaccinale
© 2001-2021 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.