Mappa della criminalità organizzata nella provincia Bat
Mappa della criminalità organizzata nella provincia Bat
Buongiorno

Da troppo a troppo poco

Emergenza sicurezza a Bisceglie: è urgente potenziare gli organici delle forze dell'ordine

Lo scorso 26 aprile, all'indomani dell'abietto episodio dei colpi di pistola esplosi all'indirizzo del Comandante della Tenenza dei Carabinieri Vincenzo Caputo, scrissi proprio su questo spazio che c'era poco da star tranquilli. E poche settimane prima, a inizio del mese, commentai le vicende che riguardarono il passaggio in città dell'inviato di "Striscia la notizia" Vittorio Brumotti col quale fu documentato, al cospetto di milioni di telespettatori, lo spaccio di stupefacenti nel centro storico. Nell'ottobre 2018 riflettei sulla constatazione che Bisceglie non fosse già più la "zona franca" della criminalità pugliese, ovvero quel fazzoletto di territorio lasciato al riparo dalle azioni criminali più cruente.

I due omicidi del 2017 (botta e risposta tra clan rivali) hanno modificato inevitabilmente - forse irreversibilmente - la percezione dei biscegliesi: la mafia, intesa come complesso dei fenomeni e dei comportamenti criminali, è più vicina di quanto ciascuno di noi avrebbe mai pensato.

Il biscegliese medio lo ha già compreso. Resta ai margini, più o meno colpevolmente, una politica che sembra voltare la testa da tutt'altra parte e vivere in un universo parallelo.

Risparmierò ai lettori l'elenco sterminato delle fonti giornalistiche secondo le quali, "nel giro di poco tempo", un numero sempre più crescente di componenti delle forze dell'ordine avrebbe contribuito a rafforzare il presidio del territorio. Dichiarazioni di esponenti delle svariate estrazioni (destra, sinistra, centro, sopra, sotto) puntualmente smentite col tempo e dai fatti. Perché gli uomini e le donne in divisa che si vedono per le strade della città, a voler essere ottimisti, sono numericamente sempre gli stessi.

Bisceglie non è una città sicura. Non lo è più. Non è sicura come 5, 10, 15, 20 anni fa: lo è molto meno. Sminuire questa tendenza non serve a niente, anzi potrebbe risultare deleterio nel caso in cui davvero si continuasse a sottovalutare l'allarme.

L'abbiamo capito tutti, forse persino quelli che avrebbero dovuto battersi per impedire la chiusura della Brigata della Guardia di Finanza, lottare per il rafforzamento dell'organico della Tenenza dei Carabinieri e chiedere l'istituzione di un Commissariato di Polizia in città. Forse è troppo? Non vorrei che nel breve volgere di pochi anni ci ritrovassimo a ritenerlo anche troppo poco...
  • criminalità
Altri contenuti a tema
Bat, triste primato nazionale per furti di autovetture Bat, triste primato nazionale per furti di autovetture Diffusi i dati relativi al tasso di criminalità nelle varie province italiane
Riflessioni di un biscegliese al nord Riflessioni di un biscegliese al nord L'amministratore scambiato per babysitter della società
L'infanzia negata e la criminalità per il primo appuntamento di "Un caffè al centro d'ascolto" L'infanzia negata e la criminalità per il primo appuntamento di "Un caffè al centro d'ascolto" L'evento è organizzato dalla Fondazione Dcl
«Sono un irresponsabile, mi autodenuncio». L'amara riflessione di Vincenzo Arena sulla percezione della mafia a Bisceglie «Sono un irresponsabile, mi autodenuncio». L'amara riflessione di Vincenzo Arena sulla percezione della mafia a Bisceglie «Mi aspettavo che politici e amministratori locali prendessero una posizione chiara rispetto alle analisi della Dia»
Impegno sociale e musica a braccetto in piazza Castello Impegno sociale e musica a braccetto in piazza Castello Mercoledì 17 la presentazione del libro "Un piede nella fossa" e il concerto bandistico diretto dai maestri Tassinari e Grillo
Tentato stupro, Angarano: «È il momento di fare qualcosa per prevenire il crimine» Tentato stupro, Angarano: «È il momento di fare qualcosa per prevenire il crimine» Il capogruppo consiliare di Bisceglie Svolta: «Niente strumentalizzazioni, bisogna agire»
2 Agguato in via Ruvo, Gianni Casella: «Siamo a un punto di non ritorno» Agguato in via Ruvo, Gianni Casella: «Siamo a un punto di non ritorno» Il consigliere comunale: «Non si può restare inermi. Le istituzioni facciano la loro parte senza troppe chiacchiere»
© 2001-2019 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.