Verità trasparente
Verità trasparente
Le parole di Sherazade

"Voci", identità degli autori

Si conclude il testo drammaturgico in due atti di Liliana Salerno

Un'importante rivelazione e i saluti finali concludono il testo drammaturgico "Voci", scritto da Liliana Salerno, che ha accompagnato i lettori di BisceglieViva in una lunga avventura letteraria.
La chiusura, con tutti i personaggi della narrazione coinvolti, è un classico di uno spettacolo teatrale.
(Per rileggere il racconto, clicca qui)
a cura di Luca Ferrante

I personaggi e i fatti narrati in questo dramma sono, per dichiarazione dell'Autrice stessa, frutto di pura invenzione e fantasia. Per cui se qualcuno si riconoscerà in essi, sia nelle fattezze del tale personaggio che nella fisicità della narrazione, consideri la cosa del tutto accidentale e casuale.
La lettura del testo è sconsigliata a un pubblico minore di 14 anni.
Buona lettura.

Conclusione: identità degli autori

Il sipario torna ad essere sollevato.
La scena è illuminata a giorno.
Appaiono gli Autori, ma indossano le orecchie d'asino della favola di Pinocchio. Entrano ciascuno dalla propria quinta, non hanno nulla in mano.
Vengono sorpresi dalla luce a giorno del faro direzionabile.
Si guardano in faccia, puntano il dito uno contro l'altro, ridono delle orecchie d'asino reciproche.
Poi si ghiacciano.

Dalla quinta da cui è entrata l'autrice entra a sua volta Gianni Nisi maschio, viceversa, dall'altra quinta entra la ragazza. Sono alle spalle degli autori.
Puntano il dito, ognuno sul rispettivo insegnante, incrociandosi a chiasmo, poi gridano, in segno d'accusa.
Gianni Nisi (all'Unisono): «Ma Tu, Tu, Tu, chi sei Tu?»
Autori (all'Unisono): «Io? Gianni Nisi, Studente».

Si avvicinano sfilandosi le orecchie, le lasciano per terra e si baciano alla francese, mentre esplode la voce di Elvis Presley, in Love Me Tender.
I ragazzi li guardano mostrando stupore.
I due si sciolgono dall'abbraccio e si inchinano al pubblico sempre nei modi della Commedia dell'Arte, e con la mano chiamano in scena, prima Giovanni e Deborah, senza telo bianco, poi Teresa e Paolo.
I ragazzi si avvicinano e tutti si inchinano.
Termina Love Me Tender.

Le comparse raggiungono il palco e riprendono, accanto agli autori, a danzare la pizzica.
Si accendono le luci in sala, ed il dramma ha termine.
  • Liliana Salerno
  • Le parole di Sherazade
  • Voci
Altri contenuti a tema
Il pessimismo eroico di Liliana Salerno e la poesia post-crepuscolare Il pessimismo eroico di Liliana Salerno e la poesia post-crepuscolare La prefazione che introdurrà i sonetti di "Lupo di mare"
"Lupo di mare", Le voci del mare "Lupo di mare", Le voci del mare La poesia di Liliana Salerno
"Lupo di mare", La caduta "Lupo di mare", La caduta La poesia di Liliana Salerno
"Lupo di mare", Amori andati "Lupo di mare", Amori andati La poesia di Liliana Salerno
"Lupo di mare", Passionale amore "Lupo di mare", Passionale amore La poesia di Liliana Salerno
"Lupo di mare", Morso sensuale "Lupo di mare", Morso sensuale La poesia di Liliana Salerno
"Lupo di mare", Partenza "Lupo di mare", Partenza La poesia di Liliana Salerno
"Lupo di mare", Dolce vento di maestrale "Lupo di mare", Dolce vento di maestrale La poesia di Liliana Salerno
© 2001-2022 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.