Rondone
Rondone
Memorie di un amore

Imparare a vivere

Le poesie di Liliana Salerno

Il Rondone, Impavido,
che perse il suo Volo,
oh ridente Antonella!,
giace immoto
nel palmo della tua mano
accogliente,
prima esausto, poi morto;
e non tenta,
come il noto Albatros,
del novello poeta,
la Tolda
di una nave.
Gli insegnasti
A vivere,
per poco,
nella sua cartacea
catina,
in attesa di riconquistare i Cieli.
Spartano non fu mai,
né Pettirosso Sparviero.
Attese solo, silente,
che fosse spento il suo viaggio,
e ci parlò ,anch'esso,
di Frida Kalho
e della sua, diversa agonia.
Perché dovette morire
senza adeguata sepoltura?
Cosa vuoi che distingua
un sasso, che conservi
intatto, ancora,
il suo incognito
Nome?
Vero è ben,
Menestrello Antonella,
che il Moto perpetuo,
del violinista di Dio,
non sarebbe sufficiente
a narrare
il perché di una vita,
che tace il Verbo,
ed esala,
commosso dal suono,
il suo ultimo, coraggioso
respiro.
  • Liliana Salerno
  • poesie
  • memorie di un amore
Altri contenuti a tema
Maternità mancata Maternità mancata Le poesie di Liliana Salerno
Telefonino Telefonino Le poesie di Liliana Salerno
Esortazione Esortazione Le poesie di Liliana Salerno
Canzoni Canzoni Le poesie di Liliana Salerno
Samarcanda Samarcanda Le poesie di Liliana Salerno
Nel Silenzio Nel Silenzio Le poesie di Liliana Salerno
Il relitto Il relitto Le poesie di Liliana Salerno
Inenarrabile Amore Inenarrabile Amore Le poesie di Liliana Salerno
© 2001-2018 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.