Brigitte Bardot in Lolita
Brigitte Bardot in Lolita
Memorie di un amore

Pauper waltzer

Le poesie di Liliana Salerno

Compivamo percorsi inenarrabili,
nella cassa armonica
del Tuo grande Cuore
Satiro Temerario,
nei panni letterari dei corsari
di Salgari,
sulla rotta di Cristoforo Colombo,
nelle lente clessidre
delle rotanti
lenti adamantine
ed insulse,
nei fondi di caffè,
nei responsi di Gerti,
nelle coccole aulenti
di D'Annunzio.

Come hai potuto
dimenticare il Verbo
ed il Tempo salmastro
che abbiamo condiviso
nella follia
delle rotaie stridenti
dei canti assolati
delle cicale ardenti?

Come hai potuto
vegliare da solo
la Madre che ti cullò
infante, nei suoi
ultimi giorni?

Come hai potuto
Baciare Proserpina,
prima che terminasse
il suo oscuro
e fallimentare andare?

T'amo e sei qui,
sulla strada del ritorno!
Con i calzari sporchi di sabbia,
e di Neve del Deserto.

T'amo e sei qui
Marito ottuso,
Figlio desiderato
e Amante perduto.

T'amo e sei qui,
Patroclo novello,

Lacrimacristi antico,
armato di armatura
invisibile, inesistente
ed inutile!!!
T'amo e sei qui,
cantore Omerico
aedo Asmodeo,
dagli Occhi Assassini!
T'amo e sei qui,
salmastro Amante
di gioventù bruciata,
nell'ancheggiare
Spartano di Marilyn Monroe
Ateniese di Brigitte Bardot
E della sua, indimenticabile
LOLITA!
T'amo e sei qui,
ondeggiante come un Elfo
fra le Tende di un giardino,
nei cortili dei Limoni.
T'amo e sei qui,
nel waltzer che ci attese,
impudichi amanti,
nelle note Austriache,
ed ossimoriche,
sul Danubio Blu.
Contavi i miei passi incerti,
nella Luna infranta,
sanguinante,
Demoniaca,
nelle Tregende
dei Sassi di Stonenge,
quando, entrambi
chiedevamo dell'altro
all'Ave Maria di Caccini,
ai Tarocchi
che videro il testo,
il Responso negativo,
la presenza della Torre,
del Bagatto,
delle Stelle,
del Matto,
inciso nella nebbia,
nel ghiaccio freddo
di una Festa
tra i voli scoppiettanti
dei bazuka, lancinanti

nel Cielo Notturno
di tutte le guerre;
nelle attese
solitarie di Lilith Marlène.
T'amo e sei qui,
a cingermi la vita,
a cingermi la vita,
sui cavalli inerti
della giostra
che ripete l'umano
Nostro Viaggio,
l'avventura che è Nostra,
Longevo Assente,
al di là,
degli Occhi Ottusi
dell'insana gente.
  • Liliana Salerno
  • memorie di un amore
Memorie di un amore

Memorie di un amore

Le poesie di Liliana Salerno su BisceglieViva

Indice rubrica
Notte 19 agosto 2019 Notte
I giorni, nel tempo 15 agosto 2019 I giorni, nel tempo
Urla, grida, aiuto... 11 agosto 2019 Urla, grida, aiuto...
Veli 7 agosto 2019 Veli
Inquietudine 3 agosto 2019 Inquietudine
Il fondale 30 luglio 2019 Il fondale
La mano 26 luglio 2019 La mano
Libero o schiavo 22 luglio 2019 Libero o schiavo
Altri contenuti a tema
Notte Notte Le poesie di Liliana Salerno
I giorni, nel tempo I giorni, nel tempo Le poesie di Liliana Salerno
Urla, grida, aiuto... Urla, grida, aiuto... Le poesie di Liliana Salerno
Origano vet Origano vet Rubrica a cura del dottor Francesco Gentile (laureato in Farmacia)
Veli Veli Le poesie di Liliana Salerno
Inquietudine Inquietudine Le poesie di Liliana Salerno
Il fondale Il fondale Le poesie di Liliana Salerno
La mano La mano Le poesie di Liliana Salerno
© 2001-2019 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.