Felix Mendelssohn
Felix Mendelssohn
Viaggio nell'Infinita Bellezza

Felix di nome e di fatto. Il concerto per pianoforte ed orchestra n.1 di Mendelssohn

Un capolavoro ispirato alle bellezze dell'Italia

Cari Lettrici e cari Lettori,
vi scrivo ancora, mentre a Bisceglie va in scena un evento che può farsi occasione di buono, ottimo ascolto. L'Apulia hi-fi show, fiera degli audiofili di tutta Italia, riunisce i maniaci della riproduzione fedele dei suoni, che sono pertanto anche appassionati di musica buona. Può essere un modo interessante per approcciarsi alla musica come fosse riprodotta come dal vivo dai più grandi maestri esecutori.

Ne approfitto perché magari questo brano potreste ascoltarlo lì, riprodotto su uno degli impianti più all'avanguardia del momento.

Bene, qualche mese fa mi sono casualmente imbattuto nell'ascolto in RadioTre di un Compositore che avevo "accarezzato" poco. Non perché Lui non ne abbia diritto, quanto piuttosto perché da ragazzo non ricordo mi sia stato mai proposto lo studio di una sua composizione.

Parlo di Felix Mendelssohn.

Genio pianistico tedesco, contemporaneo di più celebrati Schumann, Chopin, Beethoven, ma poco eseguito e seguito rispetto ai precedenti.
Eppure mi è bastato poco, ma proprio poco, quando mi è capitato di ascoltarlo in radio, per restare affascinato. Dopo l'attacco dell'Orchestra e l'introduzione del tema del pianoforte mi sono fermato estasiato, incredulo, ad ascoltare l'intero concerto per pianoforte ed orchestra numero 1.

Ed è di questo capolavoro romantico che vi vorrei rendere partecipi.

Il giovane Felix, felice di nome e di fatto, lo scrisse "di getto" durante il suo Viaggio in Italia. Aveva circa 22 anni quando intraprese questo viaggio, visitando Milano, Firenze, Roma, Napoli. Era di certo innamorato di una ragazza sua allieva ed evidentemente il suo animo, sostenuto da questo amore ed immerso nella infinita bellezza italiana, produsse qualcosa di straordinario.
Breve rispetto ai Concerti di Chopin o di Beethoven, il n.1 di Mendelssohn si compone di tre movimenti non ben divisi, ma legati da un filo conduttore unico, capace di esaltare l'amigdala cerebrale.
Si percepisce nella originalità del tema la sua brillantezza, il suo vigore, l'esplosione giovanile dei sentimenti di stupore e di gioia. Insomma è un inno alla vita, alla giovinezza, alla bellezza, all'amore giovanile.

Personalmente ho ascoltato il Concerto nella lettura del pianista Benjamin Frith,con l'Orchestra Filarmonica Slovak State diretta da Robert Stankovsky.

Il primo movimento con i suoi arpeggi e le sue scale è micidiale, brillante e sostenuto. Mette davvero a dura prova la padronanza della tastiera del pianista, che deve essere assoluta. È esaltante ed esaltata giovinezza che prorompe. Poi il primo si scioglie nel secondo movimento carezzevole: un abbraccio commovente verso l'amata, magari sognato ,davanti alla Primavera del Botticelli, agli Uffizi a Firenze. Il terzo movimento, che riprende il tema iniziale, è nuovamente esplosivo: mi fa pensare alla presenza, di Felix Mendelssohn, estasiato di fronte ai Fori Imperiali a Roma.

Il viaggio nell'Infinita Bellezza di Mendelssohn in questo caso ci appartiene, essendo stata la nostra Italia ispiratrice inconsapevole del genio.

A tutti auguro un buon ascolto.
  • Musica
  • musica classica pianistica
  • Mendelssohn
Altri contenuti a tema
Asia Ventura Asia Ventura La giovane violinista biscegliese afferma il suo talento tramite la musica
Fabrizio Moro annuncia il tour estivo: due tappe in Puglia Fabrizio Moro annuncia il tour estivo: due tappe in Puglia Gli appuntamenti per i fan sono martedì 21 agosto a Trani e mercoledì 22 a Lecce
Serata da non perdere alle Vecchie Segherie: dopo Caselli, Pietrangelo Buttafuoco Serata da non perdere alle Vecchie Segherie: dopo Caselli, Pietrangelo Buttafuoco Lo scrittore in un inedito spettacolo musicale dal titolo "Il dolore pazzo dell'amore"
Ermal Meta fa tappa a Molfetta Ermal Meta fa tappa a Molfetta Il cantautore sarà in concerto sulla banchina San Domenico. Prevendite disponibili da lunedì 19
Al Garibaldi un tuffo negli anni 20: venerdì in scena il Cafè Chantant Al Garibaldi un tuffo negli anni 20: venerdì in scena il Cafè Chantant Protagonisti della leggendaria storia di Ria Rosa, Antonella Romano e Rosario Sparno
Ci vuole orecchio - Ida Tritta Ci vuole orecchio - Ida Tritta L'artista tranese esprime il suo pensiero attraverso la musica
Tornano i concerti della Foné Tornano i concerti della Foné Appuntamento il 25 febbraio con il maestro Michele Pentrella
Il cantautore Pietro Verna  presenta il suo nuovo album al teatro don Sturzo Il cantautore Pietro Verna presenta il suo nuovo album al teatro don Sturzo Appuntamento con la musica domenica 11 febbraio alle ore 18:00
© 2001-2018 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.