reddito di dignità
reddito di dignità
Attualità

15 beneficiari del reddito regionale di dignità a lavoro per la comunità

Si occuperanno manutenzioni, monitoraggio di aree pubbliche e assistenza ai cittadini fino al 31 marzo 2020

Quindici biscegliesi beneficiari del Reddito di Dignità (ReD) 2.0, misura prevista dalla regione Puglia, hanno cominciato la loro collaborazione col comune di Bisceglie nella giornata di lunedì 17 giugno per percorsi di cittadinanza attiva e lavori di comunità. Fino al 31 marzo 2020 si occuperanno di attività di monitoraggio, tutela e sorveglianza di aree pubbliche, come la litoranea di levante e ponente, la villa comunale, piazza San Francesco, via Aldo Moro e piazza Diaz, col compito di tutelare il decoro pubblico e segnalare alle autorità competenti eventuali situazioni di potenziale pericolo per l'incolumità dei cittadini e il patrimonio pubblico.

I beneficiari ReD saranno impiegati anche nel servizio di guardiania in impianti sportivi, come il Paladolmen, lo stadio "Gustavo Ventura" e il campo sportivo "Di Liddo", e in parchi pubblici. Alcuni di loro si occuperanno dell'informazione al pubblico nelle sedi comunali di via Trento e via Prof. Mauro Terlizzi. Tra le attività previste, l'assistenza nella sala lettura della biblioteca comunale e nella sala degli specchi a Palazzo Tupputi. Uno dei beneficiari ReD, nell'ambito del sostegno alla fruizione di luoghi pubblici in favore di persone fragili, presidierà la spiaggia per persone con disabilità che sarà realizzata al Cagnolo. Un altro beneficiario si occuperà di lavori di manutenzione in città. Altre due persone cominceranno a lavorare in agosto.

Ogni beneficiario svolge la propria attività in cambio del contributo regionale ricevuto (da un minimo di 300 euro mensili ad un massimo di 500, a seconda dei parametri di ciascun soggetto e delle ore settimanali di servizio, da un minimo di 12 ad un massimo di 24), sulla base di un patto individuale di inclusione sociale attiva siglato con i Servizi Sociali dell'Ambito territoriale. Il ReD 2.0 è una misura regionale di integrazione del reddito, strumento di contrasto alla povertà assoluta e di supporto a un percorso più ampio di inserimento sociale e lavorativo.

«Oggi è un giorno importante per la nostra comunità. Con questo strumento, da un lato riusciamo a sostenere persone e famiglie in difficoltà riducendo i rischi di emarginazione sociale, dall'altro offriamo servizi di interesse pubblico» ha spiegato Roberta Rigante, assessore comunale alle politiche sociali.

«I beneficiari ReD, dotati di badge di riconoscimento e presto anche di apposite pettorine, saranno punti di riferimento sul territorio per fornire assistenza ai cittadini e preservare il decoro pubblico facendo da sentinelle e raccordo con le forze dell'ordine» ha sottolineato il sindaco Angelantonio Angarano. «Ringraziamo l'ufficio del piano di zona dell'ambito Trani-Bisceglie, coordinato dal dirigente Sandro Attolico, gli uffici comunali e le assistenti sociali che, adeguatamente supportati dagli uffici regionali, con un lavoro lungo e meticoloso, hanno curato gli iter amministrativi per valutare le richieste e rendere possibile la collaborazione tra l'ente pubblico e i beneficiari del Red, individuando il patto individuale di inclusione sociale attiva più idoneo per ogni richiedente» ha concluso.
  • Regione Puglia
Altri contenuti a tema
5 Stelle: «Stanchi delle bugie di Emiliano sull'ospedale di Bisceglie» 5 Stelle: «Stanchi delle bugie di Emiliano sull'ospedale di Bisceglie» I consiglieri regionali Galante e Conca: «Il ministero non c'entra nulla»
Fials Bat: «Necessario riclassificare l'ospedale di Bisceglie al primo livello» Fials Bat: «Necessario riclassificare l'ospedale di Bisceglie al primo livello» «L'offerta sanitaria della provincia deve essere potenziata»
Il Movimento 5 Stelle: «Ecco la verità sull'ospedale di Bisceglie» Il Movimento 5 Stelle: «Ecco la verità sull'ospedale di Bisceglie» Interviste alle parlamentari Galizia e Piarulli e al consigliere regionale Di Bari
Spina soddisfatto per la risoluzione positiva della questione punto nascita Spina soddisfatto per la risoluzione positiva della questione punto nascita «Ora lottiamo tutti uniti per ottenere il primo livello»
Emiliano: «Il ministero della salute non ha mai chiesto la disattivazione del punto nascita di Bisceglie» Emiliano: «Il ministero della salute non ha mai chiesto la disattivazione del punto nascita di Bisceglie» Il presidente della regione: «Un refuso nel documento del Dipartimento salute. Problema risolto con soddisfazione di tutti»
5 Stelle alla prova dei fatti senza più l'alibi-Galantino 5 Stelle alla prova dei fatti senza più l'alibi-Galantino Ospedale: meglio un brutto accordo consociativo che una bella manifestazione di protesta davanti a un reparto chiuso
Spina sull'ospedale: «Angarano doveva muoversi prima» Spina sull'ospedale: «Angarano doveva muoversi prima» Il consigliere di opposizione: «Il sindaco doveva sollecitare una riunione già agli inizi del 2019»
Opi Bat: «La deroga per il punto nascita non è sufficiente se Bisceglie dovesse restare ospedale di base» Opi Bat: «La deroga per il punto nascita non è sufficiente se Bisceglie dovesse restare ospedale di base» «Con la chiusura del punto nascita del "Vittorio Emanuele II", la sanità della Bat è sempre più schiacciata da Bari e Foggia»
© 2001-2019 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.