Giovanni Bruni
Giovanni Bruni
Politica

«Addio a uno spirito libero»

Messaggio di cordoglio per la scomparsa di Giovanni Bruni, avvenuta lo scorso 28 aprile

Un nuovo messaggio di cordoglio a una settimana dalla scomparsa di Giovanni Bruni, avvenuta lo scorso 28 aprile.

Per noi tutti è stato un fulmine a ciel sereno. Anche se prevedibile, attesa la sua veneranda età, non ce lo aspettavamo. Il mondo della scuola e della cultura è in lutto. Alla bella età di 94 anni, con nostro immenso dolore, ci ha lasciato l'Onorevole professor Giovanni Bruni. Docente di lettere e filosofia di inestimabile valore al liceo scientifico "Leonardo da Vinci", è stato un educatore impareggiabile, che ha formato diverse generazioni di giovani.

Uomo colto e preparato, di fine e spiccata intelligenza, acuto pubblicista, politico di livello, intellettuale popolano e filosofo - come amava definirsi –, è stato uno spirito libero e critico di formazione laica.

È stato convinto repubblicano, europeista e democratico. La repubblica, res publica, come la chiamava lui, era in cima ai suoi pensieri ed al di sopra di ogni ideale. Per lui la politica era studio e scienza, ma soprattutto impegno quotidiano e concertazione. Strenuo tifoso e difensore della nostra splendida Italia, diventava aggressivo verso chi ne parlava male, verso gli eterni scontenti. La definiva «lagna nazionale». La sua stella polare di riferimento è stata l'Europa, quella sognata e prefigurata da Altiero Spinelli.

Per noi tutti è stato l'amico leale e generoso. Leader politico di alto profilo e spessore, dotato di fiuto e della necessaria intuizione del concreto, a volte lucido anticipatore, resta il vanto e l'orgoglio della nostra città. La sua è stata figura poliedrica a tutto tondo, il suo è stato un orizzonte ampio, la sua una mente geniale e feconda, che spaziava da un campo all'altro della conoscenza in modo organico e competente. Era uomo delle Istituzioni.

È stato più volte consigliere comunale, amministratore a Palazzo di Città, vicesindaco e sindaco, sia pure per un periodo contingente e limitato, per approdare al Parlamento italiano, dove si è fatto apprezzare per le sue qualità politiche e culturali, per le sue capacità e talento. È stato il primo biscegliese a diventare deputato.
Fervente e appassionato cultore della storia del Risorgimento italiano e, in particolare di uno dei suoi principali protagonisti Giuseppe Mazzini, oltre che dell'azione di Giuseppe Garibaldi, è stato fondatore e presidente della locale associazione mazziniana.
Decisamente antifascista, l'onorevole Bruni è stato da sempre contrario ad ogni forma di autoritarismo, di prepotenza e oppressione che negava e vietava le libertà della persona e la democrazia, ovvero l'autodeterminazione dei cittadini ed il loro diritto di scegliere ed orientare.

Fu prediletto discepolo e autentico interprete del pensiero dell'ingegner Vincenzo Calace, noto combattente per la libertà e la repubblica contro il regime fascista e la monarchia, esponente di spicco della Resistenza e del Comitato di liberazione nazionale, perseguitato, più volte arrestato e condannato dal Tribunale speciale fascista. Fu un vero martire per le crudeltà subite.

Per questo l'amico Bruni si è battuto e speso molto nel proporre che allo stesso, al quale era molto legato, venisse conferita, da parte della Città di Bisceglie, la meritata cittadinanza onoraria; richiesta che venne accolta e si concretizzò con una cerimonia pubblica e solenne il 30 novembre 2015, con grande soddisfazione e consenso di tutti gli uomini liberi e democratici, noi compresi.

Molte sono le pubblicazioni e gli opuscoli del professor Bruni; ultimo suo lavoro in ordine di tempo è stata la trilogia "Stelloni e stelloncini".
All'inizio degli anni '60 il professore fu promotore e fondatore de "Il Palazzuolo", giornale molto letto e seguito in città, che animò e alimentò un proficuo e vivace dibattito e fermento intorno ai problemi, alle potenzialità ed alle prospettive della nostra Bisceglie.
Non è stato un soggetto facile, a volte è stato anche scomodo. Polemico e di carattere assai spigoloso, dietro la sua corazza dura ed il suo piglio rigoroso e severo, però si nascondeva l'Uomo, buono, umano, sensibile, entusiasta della vita, garbato e di grande civiltà.

Nei rapporti interpersonali usava porsi con estrema delicatezza e tanto amore, ma, all'uopo, sapeva essere aspro e brusco, salvo, poi, a pentirsene un attimo dopo con rammarico. Di animo gentile e nobile, è stato uomo di provata onestà e correttezza. Ha condannato e stigmatizzato ferocemente e senza mezzi termini la corruzione e la malversazione, che chiamava "la manna magna". Per lui la questione morale doveva operare in modo permanente ed in via prioritaria.

Per noi che abbiamo avuto il dono, il privilegio e l'onore di conoscerlo e di stargli vicino, è una perdita irreparabile e incolmabile. Di lui resterà in ognuno una traccia indelebile e profonda, l'eredità e l'insegnamento del suo testamento spirituale.
Negli ultimi tempi della sua vita, nonostante il suo inguaribile ottimismo, era adirato e turbato di come andassero le cose in Italia. Presagiva un futuro oscuro e incerto, e di questo era preoccupato.
Oggi non ci resta che ringraziarlo per quello che ci ha dato e per il contributo solido, fattivo e robusto offerto alla nostra società e comunità, oltre che per il patrimonio ideale che ci ha consegnato. Speriamo di farne tesoro e buon uso.
Addio, professore, ci mancherai.

  • Giovanni Bruni
Altri contenuti a tema
«Ci lascia in eredità la fiaccola dell'onestà intellettuale» «Ci lascia in eredità la fiaccola dell'onestà intellettuale» Anpi Bisceglie ricorda Giovanni Bruni
«Ha trasmesso a tanti l'amore per la città di Bisceglie» «Ha trasmesso a tanti l'amore per la città di Bisceglie» Il presidente della Pro Loco Bisceglie Vincenzo De Feudis ricorda Giovanni Bruni
Il Pci ricorda Giovanni Bruni: «Prestigioso compagno di viaggio a sostegno del sindaco Napoletano» Il Pci ricorda Giovanni Bruni: «Prestigioso compagno di viaggio a sostegno del sindaco Napoletano» «Bisceglie perde un suo importante protagonista, ma ne conserverà fertile memoria»
«A un uomo giusto il mio tributo con imperitura memoria» «A un uomo giusto il mio tributo con imperitura memoria» Il ministro biscegliese Francesco Boccia ricorda l'onorevole Bruni
«Grazie, professore, per averci reso concittadini di Mauro Giuliani» «Grazie, professore, per averci reso concittadini di Mauro Giuliani» Sergio Silvestris ricorda la grande determinazione di Giovanni Bruni nelle ricerche sulle origini del grande chitarrista
Il cordoglio della politica e della società civile per la scomparsa dell'Onorevole Bruni Il cordoglio della politica e della società civile per la scomparsa dell'Onorevole Bruni Messaggio del presidente del consiglio comunale Casella. I ricordi degli ex alunni e di coloro che l'hanno conosciuto
«La tua profonda e vera cultura ha dato molti insegnamenti alla città di Bisceglie» «La tua profonda e vera cultura ha dato molti insegnamenti alla città di Bisceglie» Il poeta vernacolare Nicola Ambrosino saluta l'onorevole Giovanni Bruni
«Un uomo retto, uno strenue difensore dei valori della nostra Costituzione» «Un uomo retto, uno strenue difensore dei valori della nostra Costituzione» L'avvocato Mimmo Di Terlizzi e gli amici repubblicani ricordano commossi l'Onorevole Bruni
© 2001-2020 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.