Pomodori
Pomodori
Economia e lavoro

Coldiretti: «Si paga più la bottiglia che il pomodoro»

«Il costo del prodotto è sceso ai livelli del 1985»

Le recenti vicende di cronaca giudiziaria (provvedimenti della magistratura nei riguardi di alcune persone sospettate di caporalato) e nera (come la morte di 16 braccianti a seguito di tragici incidenti sulle strade della regione) hanno riacceso i riflettori sulla tematica dei prezzi al pubblico dei prodotti agricoli.

«Quando si acquista una passata al supermercato si paga più la bottiglia del pomodoro contenuto» ha spiegato Gianni Cantele, presidente Coldiretti Puglia, commentando gli esiti dell'analisi effettuata dagli uffici sulle voci che compongono il costo di una bottiglia di passata di pomodoro. «Nel 1985 il pomodoro da industria veniva pagato 180 lire e a distanza di ben 33 anni il prezzo è rimasto praticamente inalterato, mentre sono cresciuti i costi di produzione.

Le distorsioni sono evidenti, considerato che in una bottiglia di passata di pomodoro da 700 ml in vendita mediamente a 1.30 euro, oltre la metà del valore (53%) è rappresentato dal margine della distribuzione commerciale con le promozioni, mentre il 18% va ai costi di produzione industriali, il 10% è il costo della bottiglia, l'8% è il valore riconosciuto al pomodoro, il 6% ai trasporti, il 3% al tappo e all'etichetta e il 2% per la pubblicità» ha aggiunto.

«Non è assolutamente equilibrato e coerente la distribuzione del valore lungo la filiera anche a causa di pratiche commerciali sleali come i casi di aste capestro on line al doppio ribasso che strangolano gli agricoltori con prezzi al di sotto dei costi di produzione, nonostante il codice etico firmato l'anno scorso fra il ministero delle Politiche Agricole e le principali catene della grande distribuzione. Nonostante ciò, le imprese agricole e agroalimentari pugliesi continuano ad operare onestamente e in trasparenza, rese ancora meno competitive da chi sfrutta la manodopera italiana e straniera, abbattendo illecitamente i costi di produzione» ha sottolineato il presidente regionale Coldiretti.

Indispensabile e urgente, secondo l'associazione, una grande azione di responsabilizzazione, dal campo allo scaffale, per garantire che dietro tutti gli alimenti in vendita, italiani e stranieri, ci sia un percorso di qualità che riguarda l'ambiente, la salute e il lavoro, con una equa distribuzione del valore.

«I prodotti dell'agricoltura passano nelle mani dei lavoratori stranieri - ha rimarcato Angelo Corsetti, Direttore di Coldiretti Puglia - che rappresentano circa il 25 per cento del numero complessivo di giornate di occupazione del settore e rappresentano, quindi, una componente indispensabile per garantire i primati del Made in Italy alimentare nel mondo.

Sono 134mila gli stranieri residenti in Puglia, con una equa ripartizione tra uomini e donne e le province di Bari e Foggia rappresentano i principali poli attrattivi per gli stranieri regolarmente residenti. Lecce, nel dettaglio, secondo i dati, è la provincia più ambita dalla nuova migrazione, seguita da Foggia, una grande risorsa dell'agricoltura pugliese che va valorizzata e difesa da inquietanti fenomeni malavitosi che umiliano gli uomini e il proprio lavoro e gettano una ombra su un settore che ha scelto con decisione la strada dell'attenzione alla sicurezza alimentare e ambientale.
Occorre affiancare le norme sul caporalato con l'approvazione delle proposte di riforma dei reati alimentari presentate dall'apposita commissione presieduta da Giancarlo Caselli, presidente del comitato scientifico dell'Osservatorio agromafie promosso da Coldiretti.
  • Coldiretti
Altri contenuti a tema
Il ponte di Ognissanti attira turisti a Bisceglie Il ponte di Ognissanti attira turisti a Bisceglie Lo rileva Coldiretti Puglia
Muraglia nuovo presidente Coldiretti Bari-Bat Muraglia nuovo presidente Coldiretti Bari-Bat Guiderà l'associazione fino al 2023
Il Prefetto riceve i rappresentanti di Coldiretti per discutere di misure contro i furti nelle campagne Il Prefetto riceve i rappresentanti di Coldiretti per discutere di misure contro i furti nelle campagne Imminente un comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica specifico
Stato debitore, agricoltori in piazza a Roma Stato debitore, agricoltori in piazza a Roma Coldiretti sosterrà la protesta dell'asssociazione dei consorzi di difesa
1 Maltempo: nelle campagne della Bat è "strage di ulivi", subito lo stato di calamità Maltempo: nelle campagne della Bat è "strage di ulivi", subito lo stato di calamità Sopralluogo giovedì mattina di Coldiretti ed Unaprol: «Una mazzata per i produttori»
Maltempo, Coldiretti: «Strage di ulivi, sale la conta dei danni nelle province di Bari e Bat» Maltempo, Coldiretti: «Strage di ulivi, sale la conta dei danni nelle province di Bari e Bat» Numerose le segnalazioni da parte degli agricoltori
Coldiretti si dimette in blocco da tutti i Gal pugliesi Coldiretti si dimette in blocco da tutti i Gal pugliesi Durissima presa di posizione dell'associazione nei confronti dell’assessorato regionale all’agricoltura sulla questione dei fondi Psr
Maltempo, dopo gelo e neve si contano danni su olive nelle province Bari e Bat Maltempo, dopo gelo e neve si contano danni su olive nelle province Bari e Bat Anche il territorio di Bisceglie interessato dalle gemme bruciate dal gelo e dalla caduta delle foglie
© 2001-2018 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.