Davide Galantino
Davide Galantino
Politica

Passa mozione di Fratelli d'Italia sugli incentivi alla tutela delle donne disabili

Tra i promotori i deputati Davide Galantino e Marcello Gemmato

La Camera dei deputati ha approvato la mozione 262, presentata dal gruppo Fratelli d'Italia con firmatari i parlamentari del territorio Davide Galantino e Marcello Gemmato, riguardante iniziative per la lotta alle discriminazioni nei confronti delle donne con disabilità.

«Abbiamo impegnato il governo ad adottare iniziative finalizzate all'accessibilità, all'integrazione, alla partecipazione, al contrasto delle discriminazioni salariali, all'autodeterminazione, alla tutela giudiziaria per donne e ragazze con disabilità» hanno spiegato i due deputati. «Questa categoria risulta essere una delle più vulnerabili ed emarginate della società europea, che conta oltre 80 milioni di persone con disabilità, di cui 46 milioni di donne e ragazze, pari a circa il 16% della popolazione femminile totale e al 60% della popolazione complessiva di persone con disabilità, perché vivono il rischio di una doppia discriminazione, sia per il genere sia per la disabilità».

La mozione è corredata da dati ISTAT relativi al livello di occupazione di donne disabili (pari al 18.8% rispetto al 28.1% degli uomini con disabilità). «Le stesse non assumono ruoli guida o dirigenziali, non prendono parte alla vita politica né alla vita pubblica. Dai dati emerge altresì che anche il territorio di residenza è un fattore discriminante: nelle regioni del Mezzogiorno le persone costrette a rinunciare raggiungono il 30% in Puglia» hanno rimarcato Davide Galantino e Marcello Gemmato

«La richiesta formulata al governo è di impegnarsi ad adottare ogni iniziativa necessaria, soprattutto nei settori della sanità, dell'istruzione, dello sport, dei trasporti, della pianificazione urbana e dell'edilizia abitativa, in modo da assicurare la reale accessibilità per le donne disabili intese sia in senso fisico (motorio e sensoriale) che psichico, condizione imprescindibile per l'integrazione e la partecipazione delle persone con disabilità; a promuovere ogni utile iniziativa finalizzata ad integrare le donne con disabilità all'interno dei sistemi di istruzione ordinari e soprattutto a porre in essere specifici percorsi di formazione professionale volti a far acquisire competenze, adeguate alla condizione psicofisica delle donne, che risultino realmente spendibili nel mercato del lavoro; ad adottare iniziative per garantire il principio della parità di retribuzione a parità di lavoro svolto, anche attraverso l'introduzione di incentivi/sanzioni, contrastando quindi le discriminazioni salariali e garantendo la parità tra donne e uomini, in particolare per quanto riguarda le persone con disabilità; ad assumere iniziative per garantire l'autodeterminazione delle donne con disabilità, assicurando l'offerta di informazioni, in modo specifico e adeguato alla tipologia di disabilità, per consentire e favorire la libera scelta circa la propria salute, con riguardo anche all'ambito ginecologico, della salute sessuale e riproduttiva, promuovendo, altresì, iniziative di formazione specifica e aggiornamento del personale medico e dei servizi sanitari, sociosanitari e sociali; ad assumere iniziative per assicurare che le donne disabili ricevano tutte le informazioni utili per sporgere denuncia e adire la tutela giudiziaria nel caso siano vittime di violenza o discriminazione e, nell'ambito della attuazione del «Piano strategico nazionale sulla violenza maschile contro le donne», che siano individuate tutte le azioni atte a rispondere adeguatamente alle specificità ed esigenze delle donne con disabilità vittime di violenza sia nella fase della denuncia che nel successivo iter di presa in carico e dell'assistenza, della cura e del pieno recupero della persona; ad assumere iniziative per utilizzare i fondi dell'Unione europea per aiutare gli Stati membri a promuovere l'accessibilità e la non discriminazione nei confronti delle donne e delle ragazze con disabilità; a sostenere campagne di sensibilizzazione e informazione sul tema della parità di genere in riferimento alla discriminazione multipla delle donne disabili, in particolare nel contesto scolastico, anche tramite il servizio pubblico radiotelevisivo, mediante pubblicità sociali, la carta stampata e i social media».
  • Davide Galantino
  • Marcello Gemmato
Altri contenuti a tema
Gemmato: «Non lasciarsi intimidire. Fiducia nelle forze dell'ordine» Gemmato: «Non lasciarsi intimidire. Fiducia nelle forze dell'ordine» Il parlamentare di Fratelli d'Italia esprime solidarietà nei confronti di Sergio Silvestris
Bufera su uno spot col presidente della provincia Lodispoto Bufera su uno spot col presidente della provincia Lodispoto Il sindaco di Margherita: «Video montato da una recita precedente, nessun riferimento alla mafia». Davide Galantino: «La toppa è peggio del buco»
Furto Caritas, Galantino: «Episodio sgradevole» Furto Caritas, Galantino: «Episodio sgradevole» Il parlamentare biscegliese: «Do la mia disponibilità. Cittadini e politica si uniscano contro la delinquenza»
Galantino esprime solidarietà al sindaco Angarano Galantino esprime solidarietà al sindaco Angarano Il parlamentare vicino al primo cittadino, turbato per l'incendio ai danni dell'auto di suo padre
Maltempo, Fratelli d'Italia interroga il governo e la regione Puglia Maltempo, Fratelli d'Italia interroga il governo e la regione Puglia «Abbiamo raccolto lo sconforto dei commercianti»
Maltempo Bari-Bat, Galantino e Gemmato: «Chiederemo intervento del governo» Maltempo Bari-Bat, Galantino e Gemmato: «Chiederemo intervento del governo» «La politica non può restare silente in occasioni che diventano spesso di emergenza»
Galantino: «Governo boccia emendamento su detrazione agli acquisti per manutenzioni» Galantino: «Governo boccia emendamento su detrazione agli acquisti per manutenzioni» Il parlamentare biscegliese: «Famiglie penalizzate ancora una volta»
Galantino contro la maggioranza di governo: «Boccia in blocco tutti gli emendamenti» Galantino contro la maggioranza di governo: «Boccia in blocco tutti gli emendamenti» Il parlamentare biscegliese contrariato per quanto accaduto in Commissione bilancio alla Camera
© 2001-2020 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.