Cgil, Cisl e Uil
Cgil, Cisl e Uil
Economia e lavoro

Ripresa attività sanitarie, i sindacati scrivono a Delle Donne

«Un incontro per misure necessarie. Già a novembre scorso c'erano criticità su liste d'attesa»

Le attività sanitarie sono riprese anche sul territorio di pertinenza dell'Asl Bt. In piena emergenza Coronavirus sono state garantite solo le urgenze e sono state rimandate tutte le prestazioni che potevano esserlo, questo naturalmente per ragioni di sicurezza. In questo periodo gli uffici sono alle prese con la riprogrammazione degli appuntamenti e per questo motivo i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Biagio D'Alberto, Giuseppe Boccuzzi e Vincenzo Posa hanno scritto una lettera al direttore generale Alessandro Delle Donne, inviata per conoscenza anche al Prefetto e ai sindaci per chiedere un incontro finalizzato a «definire le misure necessarie ai bisogni di salute dei cittadini della Bat».

«Nell'ultima riunione della cabina di regia sulle liste d'attesa, che risale al 26 novembre 2019, già permanevano forti criticità sui tempi di attesa di alcune discipline come neurologia, endocrinologia, gastroenterologia, cardiologia e buona parte della diagnostica per immagini sulle priorità dei codici B e D. In questi giorni la Regione Puglia e la Asl Bt ha annunciato la ripresa delle attività e l'operatività della nuova fase deve fare i conti con le difficoltà del passato, alle quali si aggiunge il cumulo delle prestazioni sospese che, causa forza maggiore, hanno costretto l'intero sistema sanitario nazionale e regionale a rispondere essenzialmente alle emergenze. Il ritorno alla normalità significa fare i conti con i problemi precedenti e rispondere a quelli nuovi. Sono diverse migliaia le prestazioni sospese che vanno riprogrammate. E le attese dei cittadini sono tante. L'esperienza del Covid ha confermato (se ce ne fosse stato bisogno) la valenza strategica dell'assistenza territoriale, che trova nell'assistenza domiciliare il suo cardine. L'organizzazione di equipe medico-infermiere per assistere a domicilio, è stata la soluzione organizzativa che ha fatto la differenza nell'esperienza pandemica. Assistere quanto più possibile a domicilio obbedisce alla logica di un migliore benessere del paziente ma anche alla riduzione dei picchi da infezione. Le Usca (Unità speciali di continuità assistenziali) nate per rispondere alla fase Covid, vanno pensate e potenziate come strumento permanente di assistenza territoriale e domiciliare» hanno sostenuto i tre sindacalisti.

«In questo ragionamento, il potenziamento dei presidi territoriali di assistenza e della implementazione dei servizi diventano anello di collegamento fondamentale tra la rete ospedaliera e il territorio. Considerando che viviamo in un territorio dove all'incirca il 40% della popolazione ha problemi di cronicità. La direttiva regionale del 16/6 a firma di Emiliano e Montanaro, che definisce le forme e i modi sulla ripresa di attività per le strutture residenziali, semiresidenziali, ambulatoriali e domiciliari, pone anche a noi la verifica delle condizioni di tali servizi in questo territorio» hanno concluso D'Alberto, Boccuzzi e Posa, che ritengono ineludibile un incontro a breve.
  • Sindacati
  • Asl Bt
  • cisl
  • uil
  • sanità
  • Alessandro Delle Donne
  • Cgil Bat
Altri contenuti a tema
Quasi mille casi nelle ultime ore in Puglia Quasi mille casi nelle ultime ore in Puglia Salito a 3000 il numero di positivi al Covid deceduti dall'inizio dell'emergenza sul territorio regionale
115mila casi di positività in Puglia dall'inizio dell'emergenza 115mila casi di positività in Puglia dall'inizio dell'emergenza Ritmo di oltre mille nuovi contagi al giorno
Stop per un giorno alla didattica in presenza nel plesso "Ferraris" Stop per un giorno alla didattica in presenza nel plesso "Ferraris" Riscontrata la positività di un alunno
Più guariti che attualmente positivi in Puglia ma si registrano oltre 1000 nuovi casi Più guariti che attualmente positivi in Puglia ma si registrano oltre 1000 nuovi casi Scende molto lentamente il numero delle persone ricoverate negli ospedali del territorio
Cala il numero degli attualmente positivi in Puglia Cala il numero degli attualmente positivi in Puglia 1275 i casi nelle ultime 24 ore
1224 guariti in Puglia nelle ultime 24 ore 1224 guariti in Puglia nelle ultime 24 ore Continua a scendere il numero degli attualmente positivi
Si riduce il numero di attualmente positivi e ricoverati in Puglia Si riduce il numero di attualmente positivi e ricoverati in Puglia Cala anche la percentuale di contagiati rispetto ai tamponi effettuati nelle ultime ore
«Chi vaccinerà gli italiani nel momento cruciale della pandemia?» «Chi vaccinerà gli italiani nel momento cruciale della pandemia?» Il sindacato Nursing up: «Decine di infermieri liberi professionisti hanno risposto al bando del Governo e oggi sono totalmente ignorati»
© 2001-2021 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.