Fuochi pirotecnici
Fuochi pirotecnici
E guardo il mondo da un oblò

Riflessioni di un biscegliese al nord

L'amministratore scambiato per babysitter della società

Dal 28 agosto 2018 vivo e lavoro in Lombardia, esattamente a Vescovato, in provincia di Cremona. Con attenzione seguo, online, le vicende politico-amministrative, ma anche culturali e sportive, della mia amata Bisceglie.

Periodicamente torno a casa e mi rendo conto che la città non è cambiata affatto, ma i biscegliesi sì.
Ormai sono tutti leoni da tastiera, tutti abili politici. Molti sono abili teatranti, quadri in cerca di collocazione in qualche galleria.

Pochi si salvano: quelli che si impegnano senza troppi proclami, quelli che non amano il «Con me non si è fatto così...», quelli che in silenzio portano a casa i risultati, quelli che al posto della foto di un problema con la scritta "si deve" preferiscono "agire", quelli che si impegnano ad onorare i propri doveri per il rispetto dei diritti altrui.

Abbiamo scambiato la funzione di amministratore con quella di babysitter della società, attribuendo a chi guida la città tutti i problemi causati dalla nostra mancanza di attenzione nei confronti delle cosa pubblica. Ciascuno di noi è amministratore e parte della comunità, con una responsabilità maggiore rispetto a chi siede tra gli scranni di Palazzo San Domenico. Bisogna imparare dall'agire delle mamme nei confronti dei propri figli. Queste non agiscono per una premialità economica, ma solo per amore e cura.

Abbiamo bisogno di vivere in funzione dell'altro, il quale dev'essere fine e non mezzo delle nostre azioni.

L'egocentrismo mediatico è una malattia che si sta diffondendo: tutti contro tutti, tutti criticano tutti, tutti scaricano la colpa su tutti. Ma chi agisce?
Impariamo, allora, ad avere cura delle persone e dell'ambiente in cui viviamo: cominciamo ad aiutare non più per la foto online e per i mi piace; cominciamo a differenziare i rifiuti non soltanto per 10 centesimi in più sulla green card; cominciamo a usare modi e linguaggi più adatti a un mondo educato; cominciamo a leggere gli atti comunali, a seguire i consigli comunali e se qualcosa non quadra parliamone con chi è stato votato; cominciamo a non criticare e basta, ma a pensare ad una possibile soluzione; cominciamo ad essere responsabili.

In fin dei conti i topi per strada, i politici con le amanti, gli sfalzini, i rifiuti abbandonati per la campagna, gli omicidi, la gente che muore sola per la povertà, la microcriminalità, la puzza dal depuratore, a Bisceglie ci sono sempre stati.

Evidentemente la comunità non è stata in grado di crescere, di evolversi; i problemi, prima, si leggevano sui vari giornali (al bar e dal parrucchiere) e per esprimerti dovevi saper argomentare una discussione e reggere la tua tesi, altrimenti ascoltavi chi ne sapeva più di te e ti lasciavi influenzare, convincere. Ora gli influencer posano mezzi nudi e ti basta pubblicare una foto, dare la colpa a qualcuno, per crederti chissà chi o, magari, finanche giornalista.

Tranquilla Bisceglie! Avrei sempre dei figli che, nel silenzio, lavoreranno per il tuo bene: se fosse buona prassi di tutti, sarebbe uno spettacolo.
  • Rifiuti
  • criminalità
Altri contenuti a tema
1 Distributori automatici di sacchetti dei rifiuti attivi da lunedì 25 maggio Distributori automatici di sacchetti dei rifiuti attivi da lunedì 25 maggio Quattro le postazioni scelte, indispensabile l'utilizzo della tessera sanitaria dell'intestatario dell'utenza Tari
1 Ecotassa, l'assessore regionale Stea: «Premialità maggiori per i Comuni virtuosi» Ecotassa, l'assessore regionale Stea: «Premialità maggiori per i Comuni virtuosi» La Giunta ha definito nuovi criteri di determinazione del tributo
1 Sporcaccioni incastrati dalla videosorveglianza Sporcaccioni incastrati dalla videosorveglianza Angarano: «Quindici sanzioni da 500 euro ciascuna»
Cinque nuove isole ecologiche per le "case sparse" Cinque nuove isole ecologiche per le "case sparse" Consiglio: «Raccolta differenziata al 70% nel mese di marzo e al 73% in aprile»
Gruppo interforze antimafia riunito contro il rischio infiltrazioni criminali Gruppo interforze antimafia riunito contro il rischio infiltrazioni criminali Le attività di prevenzione della Prefettura di Barletta-Andria-Trani proseguono spedite
Rifiuti in via Crosta: «Una puzza tale da dover scappare» Rifiuti in via Crosta: «Una puzza tale da dover scappare» La segnalazione di un lettore
Fase 2 e rischio di infiltrazioni criminali, videoconferenza promossa dalla Prefettura Fase 2 e rischio di infiltrazioni criminali, videoconferenza promossa dalla Prefettura Predisposta una capillare verifica dei lavori pubblici e delle concessioni e un continuo monitoraggio delle dinamiche degli assetti societari
Bisceglie nella relazione semestrale della Dia Bisceglie nella relazione semestrale della Dia In evidenza, nel primo semestre 2019, l'uso dei minori per lo spaccio di droga e gli spari all'indirizzo delle forze dell'ordine
© 2001-2020 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.