Tomislava Matijevic. <span>Foto Michele Liseno</span>
Tomislava Matijevic. Foto Michele Liseno

Coronavirus, Matijevic: «In Croazia situazione molto diversa dall'Italia»

La calcettista del Bisceglie Femminile: «Il mio desiderio è terminare la stagione. Un vero peccato sarebbe non disputare la Final Eight di Coppa»

Elezioni Regionali 2020
«In Croazia ci sono normative diverse dall'Italia: per esempio, dopo un periodo di autoisolamento, possiamo normalmente uscire e io ne approfitto per mantenermi in forma. Spero che la situazione migliori, il mio desiderio è quello di terminare la stagione. Sarebbe un vero peccato non disputare la Final Eight di Coppa Italia, nella quale eravamo riuscite a qualificarci». Queste alcune parole della calcettista del Bisceglie Femminile Tomislava Matijevic, in un'intervista rilasciata a BisceglieViva.

La situazione sanitaria e sportiva in Croazia, come vive il periodo di stop forzato anche del campionato di Serie A di calcio a 5 e un primo bilancio della stagione con la maglia nerazzurra sono stati alcuni temi trattati dall'ala pivot nata a Slavonski Brod.

Come stai affrontando questo periodo di emergenza e di stop forzato? In che misura riesci ad allenarti?
«Questo è un periodo molto difficile per tutte le persone, in particolare per noi atleti che hanno una vita sana e quotidiana piena di attività e allenamenti. Sono fortunata che la quarantena completa non è stata dichiarata in Croazia, quindi sono stata in grado di uscire normalmente dopo l'autoisolamento. Quando sono dovuta rimanere a casa, mi sono mantenuta in forma grazie ad alcune macchine che ho nel seminterrato. Quando quel periodo è scaduto, ho cambiato le mie abitudini e vado con mia sorella e i miei cani ogni giorno a correre per circa 5km su splendidi percorsi naturalistici lungo il fiume Sava. Sulla via del ritorno facciamo anche un paio di esercizi nel cortile».

Qual è la situazione in Croazia sul piano sanitario e sportivo?
«Anche qui in Croazia, come in Italia, tutte le attività sportive sono state sospese. Aspettando ancora l'inizio degli eventi sportivi, dal 27 aprile potranno ricominciare ad allenarsi gli atleti della prima e seconda categoria e le squadre senior che hanno una posizione alta in classifica. Per quanto riguarda lo stato di salute, 2009 le persone sono attualmente infette, mentre nella mia contea 20. Siamo riusciti a evitare la crescita esponenziale di infetti avvenuta in Italia con la tempestiva introduzione di misure di sicurezza ed epidemiologiche. Spero solo che la situazione non peggiori nelle prossime settimane, quando inizierà il lento allentamento delle misure».

Pensi che il campionato italiano possa riprendere o si ripartirà a settembre con una nuova stagione?
«Il mio desiderio è quello di finire il campionato, anche se la cosa più importante è la salute in questo momento, sia dei tifosi che di noi atlete. Nelle ultime settimane di gara eravamo migliorate molto, partita dopo partita, e l'atmosfera negli spogliatoi era eccellente. Mi mancano davvero tanto le mie compagne di squadra e gli amici, soprattutto perché non ho potuto nemmeno dire addio ad alcuni di loro perché è andato tutto così veloce coi nostri viaggi a casa. La situazione è molto peggiore di quella qui in Croazia, quindi si dovrà pensare attentamente a come e cosa fare, coinvolgendo gli esperti nella valutazione e cercare di prendere la decisione giusta».

Tra le occasioni perse a Bisceglie, la possibilità di giocare la Final Eight di Coppa Italia...
«È una grandissima tristezza per noi. Era tanto attesa la Final Eight di Coppa Italia per la quale siamo riusciti a qualificarci, vincendo l'ultima partita della prima mezza stagione col Futsal Florentia. Una gara estremamente tesa e fino agli ultimi secondi incerta, nella quale siamo riuscite a spuntarla e a conquistare l'ottavo posto in classifica».

Hai segnato 8 gol in 19 partite. Oltre al tuo score personale, sei contenta del contributo che hai dato alla squadra?
«Anche se sono uno dei migliori marcatori del mio club, ne voglio sempre di più. Amo segnare gol e portare momenti di felicità nel mio team, ma soprattutto mi piace quando la mia squadra vince, pur senza una mia rete. La squadra è al di sopra dell'individuo, sempre!».

Uno dei momenti che ricorderai di questa stagione.
«Ho molti momenti che ricordo. Se devo sceglierne uno, è la vittoria in extremis sul Futsal Florentia, col gol decisivo di Roxy. È stata una vera esplosione di felicità, dato che tutti volevamo qualificarci per la Final Eight».

In cosa si differenzia, secondo te, il futsal italiano con quello croato?
«Rispetto alla Croazia, è molto diverso. Qualità, abbondanza, copertura e finanze sono tutte caratteristiche che l'Italia ha sulla Croazia. C'è solo un campionato e le giocatrice nel 90% dei club non sono pagate, e quelle che sono pagate devono certamente lavorare perché i guadagni futsal non sono sufficienti per sopravvivere. Quest'anno c'erano 9 squadre che giocavano in due turni, quindi 16 partite senza finale. La competizione non è organizzata come una lega, ma attraverso 6 tornei, in cui si svolgono 2 o 3 partite in un weekend.
L'Italia ha una forte squadra nazionale, con anni di esperienza, molti raduni e partite. La nostra invece, fondata nell'estate del 2018, è una estremamente giovane ma di talento che ha solo bisogno del tempo e delle partite per acquisire l'esperienza tanto necessaria».

«Spero che questa situazione finisca presto e che tutti noi possiamo tornare ai nostri normali giochi, vite, affari, famiglie. Ci rivedremo molto presto. Ce la faremo» ha concluso Tomislava Matijevic.
  • Calcio a 5
  • Nico Ventura
  • Bisceglie Femminile
  • Serie A
Altri contenuti a tema
Ramona Ricchiuti, una biscegliese in Serie A Ramona Ricchiuti, una biscegliese in Serie A La palleggiatrice è stata ingaggiata dalla Volalto Caserta
Calcio a 5, ecco quando riparte la nuova stagione Calcio a 5, ecco quando riparte la nuova stagione Ufficializzate le date della prima giornata dei campionati nazionali
Diaz e Giuseppe Russo ancora insieme Diaz e Giuseppe Russo ancora insieme Il presidente Cortellino: «Mi auguro che possa rimanerci a vita»
Emanuele Prenna designato per Parma-Inter Emanuele Prenna designato per Parma-Inter Il biscegliese sarà assistente nel posticipo della nona giornata di ritorno di Serie A
La Divisione ufficializza la retrocessione del Futsal Bisceglie La Divisione ufficializza la retrocessione del Futsal Bisceglie Confermate le salvezze della Diaz e del Bisceglie Femminile
Futsal Bisceglie in B, Bisceglie Femminile e Diaz salvi Futsal Bisceglie in B, Bisceglie Femminile e Diaz salvi Le decisioni della Figc riguardo le compagini partecipanti ai campionati nazionali
Diaz, Cortellino: «Dobbiamo capire quali certezze avremo sul fronte economico» Diaz, Cortellino: «Dobbiamo capire quali certezze avremo sul fronte economico» Il presidente biancorosso: «La Divisione aiuti le società»
Bisceglie Femminile già proiettato all'annata 2020-21 Bisceglie Femminile già proiettato all'annata 2020-21 I ringraziamenti del presidente La Notte in attesa di novità su regole e format del prossimo campionato di Serie A
© 2001-2020 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.