Tribunale di Lecce
Tribunale di Lecce
Cronaca

Caso Masseria San Felice, rinviati a giudizio l'ex pm di Trani Savasta e i dirigenti comunali Losapio e Misino

Dovranno comparire presso il Tribunale monocratico di Lecce per rispondere delle accuse di lottizzazione abusiva e violazione del codice dei beni culturali e del paesaggio

Due dirigenti comunali, Giacomo Losapio e Giovanni Misino, dovranno comparire il prossimo 7 giugno al cospetto del giudice Rizzo del Tribunale monocratico di Lecce insieme ad altri cinque imputati (l'ex pubblico ministero della Procura di Trani Antonio Savasta, i suoi fratelli Francesco Paolo ed Emilia Maria, l'amministratore di "Gestione eventi" Angelo Sanseverino, il progettista e direttore dei lavori Antonio Recchia) per rispondere delle accuse di lottizzazione abusiva e violazione del codice dei beni culturali e del paesaggio.

I fatti contestati dal pubblico ministero della Procura salentina Carmen Ruggiero riguardano l'antica Masseria San Felice, struttura trasformata in un prestigioso resort. Secondo quanto sostenuto dagli inquirenti la presunta compiacenza dei due funzionari pubblici avrebbe consentito la realizzazione di alcune opere, nel periodo compreso fra il 2010 e il 2013, non in regola con le normative vigenti.

Losapio, in qualità di dirigente dell'ufficio tecnico del comune e Misino (pensionato dallo scorso aprile), nel ruolo di responsabile del procedimento per il rilascio del permesso di costruire e del certificato di agibilità, sono coinvolti in una vicenda processuale che ha preso il via dall'esposto presentato dall'imprenditore barlettano Giuseppe Dimiccoli, già socio dei Savasta e da Donato Cosmai, proprietario di terreni confinanti con la Masseria.

Il giudice dovrà stabilire le eventuali responsabilità di ciascuno dei sette riguardo la metamorfosi urbanistico-edilizia di un immobile «di interesse storico, ambientale e paesaggistico, sul quale vigeva divieto assoluto di nuove costruzioni, demolizioni e trasformazione, in una struttura turistico alberghiera» com'è riportato nell'imputazione, con particolare rilevanza alle realizzazioni di una zona spianata con breccia per uso parcheggio su un'area adibita a verde, di una tettoia di circa 200 metri quari in luogo di un gazebo, di pavimentazione non autorizzata, alla costruzione di muretti in cemento armato e di una sala ristorante con bagni e cucine.
  • Giovanni Misino
  • Giacomo Losapio
  • Antonio Savasta
  • Masseria San Felice
Altri contenuti a tema
Sopralluogo del sindaco al Teatro Garibaldi Sopralluogo del sindaco al Teatro Garibaldi Angarano: «Soluzioni stabili e definitive per renderlo adatto a ospitare una più ampia offerta di spettacoli»
1 Savasta assolto in Cassazione per il caso del terreno adiacente a Masseria San Felice Savasta assolto in Cassazione per il caso del terreno adiacente a Masseria San Felice L'ex magistrato non commise alcun reato nelle fasi dell'acquisto dal biscegliese Cosmai
Lorusso sul caso Masseria San Felice: «L'amministrazione non faccia come le "tre scimmiette"» Lorusso sul caso Masseria San Felice: «L'amministrazione non faccia come le "tre scimmiette"» Riflessioni "a voce alta" dell'ex sindaco di Bisceglie
Replica a Biagio Lorusso su Masseria San Felice Replica a Biagio Lorusso su Masseria San Felice Laura Alfarano, cognata del giudice Savasta: «Dov'erano le istituzioni quando quel luogo era abbandonato?»
Lettera aperta di Biagio Lorusso sul caso Masseria San Felice Lettera aperta di Biagio Lorusso sul caso Masseria San Felice L'ex sindaco: «Ritengo ci siano sufficienti motivi per procedere alla revoca-annullamento della variante e del relativo permesso a costruire»
Savasta, spunta il pignoramento dello stipendio per la questione Masseria San Felice Savasta, spunta il pignoramento dello stipendio per la questione Masseria San Felice I "mancati soci" del pm rivendicano la restituzione delle somme versate per la cessione - mai avvenuta - delle quote di proprietà della struttura
Savasta si avvale della facoltà di non rispondere, Nardi e Di Chiaro respingono le accuse Savasta si avvale della facoltà di non rispondere, Nardi e Di Chiaro respingono le accuse Il gip per tre ore sotto interrogatorio
1 In carcere due giudici già in servizio alla Procura di Trani In carcere due giudici già in servizio alla Procura di Trani Manette anche per un ispettore di polizia del Commissariato di Corato
© 2001-2019 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.