Una proposta: il rimatometro (Foto Graziana Ciccolella)
Una proposta: il rimatometro (Foto Graziana Ciccolella)
Buonanotte

Il rimatometro

Il blog di Vito Troilo - BisceglieViva

Lasciate decantare le festività pasquali mi sono chiesto quale altro argomento, all'infuori dell'affaire rifiuti, potessi affrontare in questo blog. La tematica è, purtroppo, ancora ritenuta prioritaria da tantissimi biscegliesi, cui ho più o meno involontariamente tastato il polso facendo quello che spesso, a chi ha la responsabilità di prendere le decisioni, non riesce: ascoltare.

Tutte le "formule magiche" di questa fase che definirei di riscaldamento in vista della lunghissima campagna elettorale per le amministrative del maggio 2018 sono frutto delle miscele di varie banalità e si contraddistinguono, senza alcuna esclusione, per un dettaglio tutt'altro che di poco conto: non sembra mai chiaramente espressa l'intenzione di porre fine alla notevole evasione Tari stimata di circa 5000, forse 6000 utenze, la cui mancata emersione costituisce un triplice danno per la collettività: incassi più bassi, imposizione più alta ai danni dei "fessi" che pagano, costi maggiori perché chi non ha mai pagato o non paga da diversi anni la tassa sulla spazzatura comunque i rifiuti li produce e adesso, dopo la "geniale" trovata di far sparire i cassonetti dalla sera alla mattina, li conferisce dove può, certo non all'interno dei discussi mastelli che peraltro non potrebbe ritirare, perché provandolo a fare si autodenuncerebbe...

Fissatelo a mente: l'anno precedente alle comunali si asfaltano le strade, si distribuiscono contributi a pioggia alle associazioni e si promettono splendide agevolazioni su qualsiasi tributo locale. Con quale credibilità, oggi, qualcuno potrebbe seriamente affermare di essere disposto a "scovare" e "regolarizzare" gli evasori Tari (operazione che è pure semplice: sarebbe sufficiente incrociare i dati del catasto)? Quale futuro candidato sindaco, vero o presunto, in pieno possesso delle sue facoltà mentali, lo dichiarerebbe? Mettersi contro un bacino potenziale di quasi 10 mila elettori? Non lo farà nessuno, sicuro.

Questa città dovrebbe andare alle urne, nel maggio 2018, col sistema del "rimatometro", per consentire a chi spende una barca di soldi per pagare un'imposta vergognosa (la Tari) di far valere di più il suo voto. La realtà sarà differente, perché a risultare decisivi per l'elezione del nuovo sindaco e del consiglio comunale saranno proprio quelli che non hanno mai pagato la Tari. C'è un deficit di democrazia anche nell'immondizia. Buonanotte.
  • Rifiuti
  • raccolta rifiuti
  • blog
Altri contenuti a tema
Le dieci soluzioni per abbattere la Tari e migliorare la differenziata a Bisceglie Le dieci soluzioni per abbattere la Tari e migliorare la differenziata a Bisceglie Le proposte dal basso raccolte dalla coalizione Bisceglie 2018 in un incontro pubblico sul tema dei rifiuti
6 Nuovo inquietante rogo di rifiuti in Strada del Carro Nuovo inquietante rogo di rifiuti in Strada del Carro Grossi cumuli di rifiuti hanno bruciato, per l'ennesima volta, a lungo
3 Idee e soluzioni per il problema rifiuti, Bisceglie 2018 incontra la città Idee e soluzioni per il problema rifiuti, Bisceglie 2018 incontra la città I rappresentanti della coalizione ne discuteranno martedì pomeriggio
1 Una sera a Bisceglie Una sera a Bisceglie Il blog di Vito Troilo
Rifiuti: «In via Stoccolma accade qualcosa di molto grave» Rifiuti: «In via Stoccolma accade qualcosa di molto grave» L'appello delle imprese: «Fate qualcosa, è a rischio la salute dei nostri dipendenti»
14 Da micro a megadiscariche: ecco la situazione dell'agro di Bisceglie Da micro a megadiscariche: ecco la situazione dell'agro di Bisceglie Il biologo Mauro Sasso, referente di Pro Natura, racconta per immagini lo scempio delle campagne sei mesi dopo la prima mappa delle discariche abusive
16 Un container di rifiuti abbandonato nella zona artigianale Un container di rifiuti abbandonato nella zona artigianale Il fenomeno del pendolarismo dei rifiuti è un cane che continua a mordersi la coda
30 Raccolta differenziata, Davide Di Tullio (BVE) risponde alla signora Lucia: «È l'esempio dell'inossidabile resistenza al cambiamento del Sud» Raccolta differenziata, Davide Di Tullio (BVE) risponde alla signora Lucia: «È l'esempio dell'inossidabile resistenza al cambiamento del Sud» «Il disagio è parte integrante di una politica di disincentivazione alla produzione dei rifiuti»
© 2001-2017 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati. Viva è un marchio registrato di GoCity.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.