Pier Paolo Pasolini
Pier Paolo Pasolini
Le ragnatele di Ersilia

Pasolini. Perché celebrarlo oggi

Sul dialetto e oltre

Per Pasolini la posizione di uno scrittore e la sua ideologia coincidono sempre con la sua lingua.
La questione della lingua è quindi il perno della sua visione intellettuale. Lui stesso dirà: «Mon possono esserci innovazione e verità poetica senza che queste siano incarnate in una adeguata innovazione linguistica».
Pasolini ha perfettamente ragione.

Penso sempre al grande miracolo tutto italiano, ad un artista come Pino Daniele che ha saputo, ogni giorno, raccontare ed esprimere tutte le contraddizioni del mondo contemporaneo attraverso la sua lingua madre. Una lingua che si mescola col presente e si nutre di emozioni e di realtà. Che si rinnova sempre perché sa che il dialetto è materia viva che si trasforma seguendo il movimento del tempo.

Pino Daniele, con la lingua di Napoli, descrive una città che non è quella fatta di squarci incantevoli e sdolcinati ma di tinte forti che esaltano i contrasti di persone che vivono e soffrono le contraddizioni attraverso un incrocio di linguaggi, culture, odori, passioni. Con una contaminazione che solo lui sapeva fare, con una miscela lessicale che conquisterà tutti, andando oltre le espressioni vernacolari della tradizione che nulla dicono del presente, che cristallizzano le immagini del passato.

È sempre il crossover ad assicurare l'innovazione. E Pasolini ne è maestro indiscusso. Nella sua poesia che è laboratorio critico.
Pasolini, con passione e ideologia, ama la poesia e vive, perennemente, il suo contrasto interiore, quella tensione infinita che è di tutti i poeti, tra passato e presente, tra la lingua dellélites e quella delle borgate, tra volontà intellettuale e pulsione passionale.

Il dialetto è la lingua di sua madre, di tutte le madri del mondo. E ogni verso l'eco di un'infanzia che si conserva intatta, pura e incontaminata.
Preservare il dialetto è preservare le nostre origini, quello che resta del nostro primo vivere al mondo, del primo approccio con la vita.

La tecnologia, oggi, non ci consente l'uso delle parlate locali. Come faremmo, altrimenti, a dialogare e messaggiare con una persona che vive a centinaia di chilometri da noi?

Se la Rete omologa il linguaggio allora la parola perde la purezza e tutta la passione delle cose semplici. Forse ci si capisce meglio, sì, ma cosa resta delle nostre specificità? E quali contraddizioni riusciremmo a risolvere con una lingua che non è specchio del presente? E non dice nulla di quello che siamo?

Pasolini seppe, da buon antropologo, criticare la società dei consumi già sul nascere. Sarebbe stato bello avere, oggi, il suo sguardo critico su un mondo che non sa dove sta andando. Di fretta, sempre di fretta.
  • Stefania D'Addato
  • cultura
  • Giornata del dialetto
Altri contenuti a tema
Moda è cultura: mostra dell'istituto "Cosmai" a Trani Moda è cultura: mostra dell'istituto "Cosmai" a Trani L'iniziativa è stata realizzata in collaborazione del Museo Diocesano
Stagione teatrale, Spina: «Consulta alla cultura maltrattata da Angarano» Stagione teatrale, Spina: «Consulta alla cultura maltrattata da Angarano» L'ex Sindaco: «Commissione umiliata da una scelta strategica, più coerente dimettersi»
Naglieri sul dialetto: «Valorizza la comunità ma mai con trivialità» Naglieri sul dialetto: «Valorizza la comunità ma mai con trivialità» Le considerazioni dell'assessore a margine della Giornata nazionale
Casella: «Dialetto parte integrante della nostra storia» Casella: «Dialetto parte integrante della nostra storia» Il presidente del consiglio comunale: «L'ipocrisia regna sovrana, purtroppo, in una piccola parte della città»
1 Cultura a Bisceglie, Fata: «Situazione insostenibile, amministrazione incapace» Cultura a Bisceglie, Fata: «Situazione insostenibile, amministrazione incapace» Pesantissimo affondo del consigliere di opposizione: «Teatro Garibaldi chiuso, gruppo di lavoro defenestrato, nessun supporto per gli operatori del settore»
Giornata nazionale del dialetto, lunedì evento al Circolo Unione Giornata nazionale del dialetto, lunedì evento al Circolo Unione Parteciperanno attori e poeti che legano la loro attività anche all'uso del vernacolo
«Parliamo d'amore per combattere la violenza di genere» «Parliamo d'amore per combattere la violenza di genere» Incontro organizzato da "La città possibile" al teatro don Luigi Sturzo
Omaggio ad Astor Piazzolla al Parco delle Beatitudini Omaggio ad Astor Piazzolla al Parco delle Beatitudini Evento promosso da "La città possibile" e ideato dalla Nuova Accademia Orfeo
© 2001-2022 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.