Italo Calvino
Italo Calvino
Le ragnatele di Ersilia

Ersilia, la città invisibile

I cento anni di Calvino

Con le Città invisibili Calvino sa di averci lasciato il suo ultimo poema d'amore alle città. Un'opera straordinaria, una tra le innumerevoli sue opere letterarie. La più completa perché condensa vari linguaggi, perché visionaria e prodiga di insegnamenti.

Vivere in una grande città è tanto difficile. E Calvino, contemporaneo di Pasolini, si era interrogato sul futuro delle città sempre più invivibili. Seguendo il pensiero del filosofo Georg Simmel, non vuole profetizzare una catastrofe, ma vuole soltanto capire cosa ci porta a vivere in grandi agglomerati di persone e di cose.

Ad ognuna delle Città invisibili Calvino assegna un nome di donna, forse, dico forse, in segno di rinascita e trasformazione. Sono città senza tempo che vivono in spazi mai esistiti prima. Ma che a ben guardare, assomigliano tanto a quelle che noi viviamo. Ce n'è una che credo sia quella che più assomigli alla città di oggi. E che ha ispirato tempo fa la mia rubrica. È la città di Ersilia. A Ersilia, per stabilire i rapporti che reggono la vita delle città, gli abitanti tendono dei fili tra gli spigoli delle case di diverso colore a seconda se segnano relazioni di parentela, scambio, autorità, rappresentanza. Quando i fili sono tanti che non si può più passare in mezzo, gli abitanti vanno via e le case vengono smontate. Restano solo i fili e i sostegni dei fili. Da lontano i profughi guardano i fili. Ed è quella ancora la città di Ersilia e loro non sono niente. Ersilia viene riedificata altrove, più complicata dell'altra ma abbandonano anche questa. Se viaggi tra le rovine delle città abbandonate non trovi le ossa dei morti, soltanto ragnatele di rapporti intricati che cercano una forma.

Si sa, la nostra esistenza è una continua tensione tra la "vita" e tutte quelle "forme" attraverso cui essa si estrinseca condensandosi oggettivamente in forme relazionali, collettive, sociali, sentimentali. Il segreto è "saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio".

Anticipatore dei nostri tempi, Calvino, attraverso pagine di puro lirismo, ha saputo descrivere i luoghi e non luoghi che oggi viviamo. Penso alla Rete e ai suoi fili intricati che tessono una infinita ragnatela. Di rapporti molto spesso effimeri , fatti di parole pesanti e alcune volte inconsistenti di cui non resterà traccia.
  • Stefania D'Addato
  • cultura
Altri contenuti a tema
Giornata della memoria, Azione Bisceglie: «Importante non dimenticare» Giornata della memoria, Azione Bisceglie: «Importante non dimenticare» La nota della segreteria cittadina del gruppo politico
Inizio anno promettente per la cultura con il premio "Best Reader Vecchie Segherie Mastrototaro" Inizio anno promettente per la cultura con il premio "Best Reader Vecchie Segherie Mastrototaro" La vincitrice del 2023 è la signora Aurora di Terlizzi con 80 libri letti
Violenza di Genere: un incontro per discuterne insieme Violenza di Genere: un incontro per discuterne insieme Chiara Scardicchio ospite il 30 novembre a Bisceglie
A Bisceglie Maurizio Bruni presenta il suo nuovo romanzo A Bisceglie Maurizio Bruni presenta il suo nuovo romanzo Il 24 novembre aperitivo letterario con l’autore
Presentazione a Bisceglie del Bestseller "Codice Ratzinger" di Andrea Cionci Presentazione a Bisceglie del Bestseller "Codice Ratzinger" di Andrea Cionci Appuntamento giovedì 23 novembre alle 19 all'hotel Nicotel
Isabella Di Liddo nel coordinamento di "Parole, Arte e Musica" a Modugno Isabella Di Liddo nel coordinamento di "Parole, Arte e Musica" a Modugno La promotrice culturale biscegliese presenta l'attore teatrale Armando Merenda
Sold out per la conferenza di Mauro Scardovelli al Politeama di Bisceglie Sold out per la conferenza di Mauro Scardovelli al Politeama di Bisceglie “Amore incondizionato: la via della felicità indistruttibile” si è tenuta lo scorso 11 novembre
Michela Marzano ospite alle "Vecchie Segherie" di Bisceglie Michela Marzano ospite alle "Vecchie Segherie" di Bisceglie La presentazione del libro "Sto ancora aspettando che qualcuno mi chieda scusa" si terrà domani alle 19
© 2001-2024 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.