Zucchero filato
Zucchero filato
Le ragnatele di Ersilia

Dolci come lo zucchero

Rubrica di cultura e società

Il nostro cuore si nutre di cose semplici, poche emozioni che poi rincorri per tutta la vita. E quando la "festa" manca non ti resta che prendere quello che rimane nella tua mente. La nostalgia non è un peccato, è cibo per chi crede che il tempo non abbia una fine ed un inizio.

Le feste patronali nascono per celebrare i nostri Santi protettori e rinsaldare i legami di un'intera collettività, gesta antiche contro l'imbarbarimento del presente. E quando i rituali mancano si rischia di perdere tutto quanto, di rendere superflua qualsiasi narrazione che parli di noi e di quello che siamo stati.

La nostra felicità era fatta di zucchero filato, mandorle caramellate e cocco fresco adagiato sotto la fontanina. L'abito della festa era scelto con cura, possibilmente bianco per contrastare il colore della pelle abbronzata. La piazza era illuminata con luci sfavillanti. Le mamme percorrevano le strade stracolme di bancarelle piene di collane colorate e noi bambini incantati a guardare pulcinella, lo yo yo e i palloncini ad elio che dopo la festa restavano attaccati al soffitto della stanza per giorni e giorni.

I bar del centro servivano all'aperto granite e cremolate in coppe di vetro. Poi le strette di mano agli amici che tornavano da Milano felici di salutare i tre Santi che restavano intatti ad aspettarli. La processione e il concerto Bandistico facevano della festa il momento più bello dell'anno. La cassa armonica vestiva la piazza quasi a proteggere la musica da tanto frastuono. Poi la corsa ai biglietti delle giostre e la voglia di far tardi e non tornare a casa. La "batteria" incorniciava la città e salutava i forestieri dicendo loro: «Tornate a casa, noi vi aspettiamo!».

I ricordi sono dolci come lo zucchero filato che ti resta appiccato sulle dita, apparentemente lievi e inconsistenti come una nuvola bianca ma capaci di sprigionare tanta di quella energia che ti fa sorridere anche nei giorni più tristi.
  • Stefania D'Addato
Altri contenuti a tema
Pasolini. Perché celebrarlo oggi Pasolini. Perché celebrarlo oggi Sul dialetto e oltre
«Parliamo d'amore per combattere la violenza di genere» «Parliamo d'amore per combattere la violenza di genere» Incontro organizzato da "La città possibile" al teatro don Luigi Sturzo
Omaggio ad Astor Piazzolla al Parco delle Beatitudini Omaggio ad Astor Piazzolla al Parco delle Beatitudini Evento promosso da "La città possibile" e ideato dalla Nuova Accademia Orfeo
Nuova Accademia Orfeo aderisce a "La città possibile" Nuova Accademia Orfeo aderisce a "La città possibile" Ulteriore ingresso nell'ambizioso progetto di rinnovamento culturale
«Cinque giornate che non dimenticheremo» «Cinque giornate che non dimenticheremo» Stefania D'Addato: «"La città possibile" ha dato voce a poeti, filosofi, artisti musicisti e storici regalando intense emozioni»
Festa della cultura, grande partecipazione alla prima serata Festa della cultura, grande partecipazione alla prima serata Mercoledì conferenza su Pompeo Sarnelli
Michele Cucuzza ospite de "La città possibile" Michele Cucuzza ospite de "La città possibile" Il popolare giornalista presenterà la sua ultima fatica letteraria nella cornice di Villa Consiglio
Giacinto Galantino, un maestro d'altri tempi Giacinto Galantino, un maestro d'altri tempi Rubrica di cultura e società
© 2001-2022 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.