Alfredino Rampi
Alfredino Rampi
Le ragnatele di Ersilia

Alfredino Rampi: una storia tutta nostra

Rubrica di cultura e società

Sono trascorsi quarant'anni da quel 10 giugno del lontano 1981. Quarant'anni sono davvero tanti eppure questa storia nei nostri cuori è tanto viva.
La storia di Alfredino, il bambino caduto in un pozzo a Vermicino, ci appartiene. E parlare di lui è come parlare di un amico, di un compagno, di un fratello.
Alfredino avrebbe avuto la mia età, oggi. E, oggi, come me, sarebbe stato testimone di un tempo che ha dimenticato quanto la televisione sia stata la nostra casa, il "focolare" sempre ardente.

Lo ricordo perfettamente quel giorno, di ritorno da scuola restai incollata alla sedia davanti allo schermo e guardavo mamma addolorata che immaginava suo figlio in quel vortice che aveva risucchiato un corpicino esile, talmente esile che scivolava sempre più nel fondo della terra.

La terra non è lieve se decide di tenerti sotto e non farti respirare. Un destino crudele, quello di Alfredino. Un bambino ed una mamma, il cui dolore divenne il dolore di tutte le mamme d'Italia. Una mamma china, adagiata per terra che chiamava il suo piccolo e cercava di consolarlo.

Per tanto tempo ho immaginato come potesse essere restare ore al buio senza ossigeno, e la mia mente cercava riparo nello schermo che mostrava al contempo il dolore.
In quegli anni la televisione era per noi il mondo intero, palesava le nostre virtù ma anche i vizi. E sembrava che tutto ciò che passasse attraverso lo schermo potesse trasformarsi in qualcosa di buono, che la notorietà rendesse tutti quanti più forti.
Poi c'era il "Presidente", quel Presidente che non dimenticheremo mai che consolava la mamma di Alfredino e dava a noi italiani la certezza di essere parte di un Paese che ama e che lavora, il Paese più bello del mondo.

Le ore passavano ma Alfredino restava incastrato lì sotto e più i soccorritori scendevano più il suo corpo cadeva giù, come se la terra avesse accolto e preparato per lui un posticino per proteggerlo per sempre.
La televisione era la nostra finestra sul mondo e una Rete che potesse farci stare insieme e connetterci in tempo reale non l'avevamo ancora immaginata. O forse sì, l'avevano fatto alcuni con le loro distopie più sfrenate. Perché di distopia si tratta se oggi quello che era uno strumento di condivisione è diventato il luogo del narcisismo più estremo e disperato.
  • Stefania D'Addato
Altri contenuti a tema
Pasolini. Perché celebrarlo oggi Pasolini. Perché celebrarlo oggi Sul dialetto e oltre
«Parliamo d'amore per combattere la violenza di genere» «Parliamo d'amore per combattere la violenza di genere» Incontro organizzato da "La città possibile" al teatro don Luigi Sturzo
Omaggio ad Astor Piazzolla al Parco delle Beatitudini Omaggio ad Astor Piazzolla al Parco delle Beatitudini Evento promosso da "La città possibile" e ideato dalla Nuova Accademia Orfeo
Nuova Accademia Orfeo aderisce a "La città possibile" Nuova Accademia Orfeo aderisce a "La città possibile" Ulteriore ingresso nell'ambizioso progetto di rinnovamento culturale
Dolci come lo zucchero Dolci come lo zucchero Rubrica di cultura e società
«Cinque giornate che non dimenticheremo» «Cinque giornate che non dimenticheremo» Stefania D'Addato: «"La città possibile" ha dato voce a poeti, filosofi, artisti musicisti e storici regalando intense emozioni»
Festa della cultura, grande partecipazione alla prima serata Festa della cultura, grande partecipazione alla prima serata Mercoledì conferenza su Pompeo Sarnelli
Michele Cucuzza ospite de "La città possibile" Michele Cucuzza ospite de "La città possibile" Il popolare giornalista presenterà la sua ultima fatica letteraria nella cornice di Villa Consiglio
© 2001-2022 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.