Test Alpha Pharma
Test Alpha Pharma
Attualità

Coronavirus, le diverse interpretazioni sull'uso del test rapido

Un documento di due aziende universitarie pugliesi li definisce "non validi". Eppure la regione Campania ne avrebbe ordinati un milione

La proposta lanciata da Paco Losapio nella sua rubrica "E guardo il mondo da un oblò" su questo sito sta suscitando riflessioni e dibattiti. In sintesi, il nostro ha sottoposto al sindaco Angelantonio Angarano l'adozione di un test rapido drive-thru (della durata di un minuto ed effettuato a bordo della propria auto davanti ai laboratori analisi) per i cittadini biscegliesi, consistente in un prelievo simile a quello dello stick della glicemia, attraverso il quale sarebbe possibile scremare velocemente dei potenziali casi positivi.

Il test, prodotto da un'azienda barese (ne abbiamo riferito lo scorso 17 marzo), è sul mercato in quanto regolarmente iscritto al registro Farmadati, al punto che è in vendita nelle farmacie.

Una nota congiunta diffusa proprio il 17 marzo da Azienda consorziale Policlinico ospedaliera e Università degli studi "Aldo Moro" di Bari, ma non dalla regione Puglia, si è affrettata a rimarcare che «la diagnosi di Covid-19 dev'essere effettuata solo dai laboratori della rete attraverso la ricerca del genoma virale in campioni respiratori (esempio tamponi faringei) prelevati da casi sospetti attraverso le tecniche molecolari (ricerca diretta) secondo protocolli validati e condivisi a livello internazionale». Il documento è firmato dalla professoressa Maria Chironna, responsabile del laboratorio di epidemiologia molecolare e sanità pubblica del Policlinico di Bari.

L'invito rivolto agli utenti era ad attenersi «a quanto stabilito dal ministero della salute e dall'istituto superiore di sanità per quanto riguarda l'accertamento diagnostico per Covid-19 che, si ribadisce, dev'essere fatta solo dai laboratori della rete». Perentoria la conclusione: «I test sierologici "rapidi" non sono assolutamente validati per la diagnosi di infezione da Sars-Cov-2 e possono essere utilizzati unicamente a fini di ricerca».

Non è molto chiaro, perciò, quale altra ragione - se non a questo punto la necessità di fare ricerca - abbia spinto, secondo quanto riferito a più riprese da diversi media (l'elenco è lunghissimo), la regione Campania a ordinare ben un milione di questi test rapidi. Evidentemente la percezione dell'utilità di questo strumento è differente tra una zona e l'altra dell'Italia. Non è nostro compito, naturalmente, stabilire quale delle due interpretazioni sia più o meno rispondente alla realtà. Solo è piuttosto strano rilevare che persino l'istituto tumori "Giovanni Paolo II" di Bari avrebbe ordinato tremila test.

Non tocca a un giornale imporre soluzioni, ma indicare una strada. L'auspicio è che, su questo tema, si faccia chiarezza.
L'amico Paco Losapio si è dimostrato ancora una volta risorsa preziosa per la sua città.
  • Covid
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti

490 contenuti
Altri contenuti a tema
«Sono positivo al Coronavirus». Giovane biscegliese comunica la notizia sui social «Sono positivo al Coronavirus». Giovane biscegliese comunica la notizia sui social L'operatore sanitario, asintomatico, ha lanciato un monito: «Restate a casa, non uscite se non per motivi indispensabili».
Cannillo e Pomarico ospiti in diretta sul network Viva giovedì Cannillo e Pomarico ospiti in diretta sul network Viva giovedì Approfondimento sulla ripartenza dopo il Coronavirus: orizzonti, progetti, speranze
Coronavirus e controlli, aumentano le sanzioni e le denunce nella Bat Coronavirus e controlli, aumentano le sanzioni e le denunce nella Bat Quasi 40mila persone fermate e oltre 5mila esercizi commerciali soggetti a verifiche dall'inizio dell'emergenza
Coronavirus, la regione Puglia dispone 450milioni di euro per le imprese e le partite Iva Coronavirus, la regione Puglia dispone 450milioni di euro per le imprese e le partite Iva Il presidente Michele Emiliano: «Stiamo agendo in modo rapido ed efficace»
Consiglio comunale in diretta su BisceglieViva Consiglio comunale in diretta su BisceglieViva Giovedì 9 aprile, a partire dalle ore 15:30, sulla nostra pagina facebook e su questo sito
Coronavirus, 2634 casi positivi in Puglia Coronavirus, 2634 casi positivi in Puglia 35 contagiati nella Bat
Coronavirus, sette ricoveri in ospedale a Bisceglie Coronavirus, sette ricoveri in ospedale a Bisceglie Si tratta di ospiti della struttura "Villa Bilanzuoli" di Minervino Murge risultati positivi
Coronavirus, Galantino: «Lavoratori dimenticati anche in questa emergenza» Coronavirus, Galantino: «Lavoratori dimenticati anche in questa emergenza» Il deputato biscegliese di Fratelli d'Italia: «Il governo si ravveda»
© 2001-2020 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.