Topo di grosse dimensioni nel reparto malattie infettive dell'ospedale civile
Topo di grosse dimensioni nel reparto malattie infettive dell'ospedale civile
Buongiorno

Se quel topo fosse finto

Il blog di Vito Troilo

Da un lato mi sentirei sollevato, come cittadino biscegliese, se quel topo fosse finto. Ma una parte di me, quella in cui prevale il giornalista, sarebbe incazzata e non potrebbe mai limitarsi a constatare l'emergere di una verità che per certi versi risulterebbe ancora più grave.

Se quel topo fosse finto, allora qualcuno l'avrebbe collocato sullo stipite della porta di una stanza di degenza del reparto malattie infettive dell'ospedale "Vittorio Emanuele II" di Bisceglie. Ma a che scopo?

Il sospetto di un sabotaggio mediatico, di un'azione calcolata con l'obiettivo di screditare l'immagine pubblica della struttura e favorire, per contrappasso, una ridiscussione del piano di riordino ospedaliero regionale porta con sé l'affascinante sfumatura del complotto.

Non sono un conoscitore delle dinamiche relative alla vita dei topi ma - come spesso accade sui social - ho scoperto di essere praticamente circondato da esperti del settore e studiosi della specie, che non avrei mai immaginato risiedessero nella mia città e sul territorio in cotanta densità. Molti di essi hanno assicurato che un esemplare del genere non sarebbe in grado di issarsi fino a quell'altezza sostenendo che una prova del "feticcio" risiederebbe nel mancato movimento della coda e dello stesso topo malgrado le diverse sollecitazioni e il trambusto che si è creato nelle fasi in cui quel famigerato video è stato registrato. Tesi legittime e piuttosto condivisibili, ci mancherebbe altro.

Se quel topo fosse finto - e la vicenda non si potesse derubricare a "semplice" bravata (perché una paziente, impaurita, ha urlato e lo si sente a fine del filmato) - allora bisognerebbe preoccuparsi seriamente del livello di decadimento della nostra società. Se qualcuno avesse davvero pensato di mettere in cattiva luce un intero ospedale inscenando la presenza di un grosso ratto all'interno di un reparto con la speranza di ottenere un "vantaggio" da sfruttare per rigiocare la partita sui tavoli della politica sanitaria regionale, allora saremmo proprio alla frutta.

Solo per questa ragione preferirei che quel topo fosse vero. Perché la professionalità di medici, infermieri e personale di quell'unità operativa e di tutto il "Vittorio Emanuele II" di Bisceglie non si può certo valutare da quanto accaduto. E, per inciso, non ho la più pallida idea di come si chiami e di che faccia abbia il primario del reparto. Posso promettere - questo è sicuro - che non spegneremo i riflettori su questa storia fino a quando non si sarà compreso quello che è successo e continueremo a informare. Come sempre.
  • ospedale Bisceglie
  • topo ospedale Bisceglie
Altri contenuti a tema
«Ospedale abbandonato e verso la chiusura», l'allarme di Democrazia e solidarietà «Ospedale abbandonato e verso la chiusura», l'allarme di Democrazia e solidarietà «Posto in essere uno scientifico stillicidio per rendere impossibile il funzionamento del nosocomio»
Vittorio Brumotti aggredito, l'aggiornamento sulle sue condizioni di salute Vittorio Brumotti aggredito, l'aggiornamento sulle sue condizioni di salute L'inviato di "Striscia la notizia", ricoverato in ospedale a Bisceglie per alcune ore, ha lasciato il nosocomio in serata
L'inviato di "Striscia" Vittorio Brumotti, aggredito a Trani, finisce all'ospedale di Bisceglie L'inviato di "Striscia" Vittorio Brumotti, aggredito a Trani, finisce all'ospedale di Bisceglie Il corrispondente della trasmissione è da tempo sulle tracce degli spacciatori in varie città d'Italia
Diabete, novità per i portatori di sensori e microinfusori: convegno della Croce Bianca di Trani Diabete, novità per i portatori di sensori e microinfusori: convegno della Croce Bianca di Trani L'iniziativa per informare sul nuovo assetto regionale in materia di cure
1 Le domande di Francesco Spina sulla recinzione per i rifiuti nei pressi dell'ospedale Le domande di Francesco Spina sulla recinzione per i rifiuti nei pressi dell'ospedale L'ex primo cittadino: «Qualcuno ha autorizzato quella mini-discarica?»
Una recinzione per l'area che raccoglie i rifiuti dell'ospedale Una recinzione per l'area che raccoglie i rifiuti dell'ospedale L'amministrazione comunale: «Servirà a contrastare l’abbandono illecito di rifiuti»
Un incontro sulle prospettive di miglioramento della sanità nel territorio Un incontro sulle prospettive di miglioramento della sanità nel territorio Si discuterà dei nuovi presidi territoriali di assistenza che affiancheranno gli ospedali di primo e secondo livello
1 L'intergruppo chiede un tavolo istituzionale sul futuro dell'ospedale "Vittorio Emanuele II" L'intergruppo chiede un tavolo istituzionale sul futuro dell'ospedale "Vittorio Emanuele II" «Emiliano assuma apertamente l'impegno a trasformarlo in un presidio di primo livello»
© 2001-2019 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.