Milano
Milano
Le ragnatele di Ersilia

Bisceglie-Milano con ritorno

Rubrica di cultura e società

Le parole indicano un'assenza, stanno lì per qualcos'altro. Riempiono dei vuoti e hanno la pretesa di sostituire tutto, finanche la realtà più tangibile.
Oggi parlare di "reale" è impresa ardua perché dobbiamo fare i conti con un'alternanza tra realtà reale e realtà virtuale. La tecnologia ci viene incontro e sembra che ci abbia dotati di una seconda vita. L'alternanza tra vita on line e off line ci sostiene nel lavoro, nello studio, nella vita privata.

Le parole, pertanto, dovendo indicare quello che non è presente, devono essere più precise, il più possibile iconiche ed assomigliare alle cose. Ma ci si accorge che la distanza non ci appartenga e per capire se un tuo amico che vive a centinaia di chilometri da te sta male è necessario che tu lo raggiunga.
Dovremmo viaggiare, viaggiare sempre per comprendere il senso delle cose e quanto sia bello un ritorno. Un ritorno per chi ha vissuto l'incubo della pandemia in Lombardia ed ha desiderato tornare nel paese d'origine e respirare il mare.
Bisceglie è legata a Milano da un filo e questo filo ha tessuto una tela molto fitta che pare essere molto resistente. Tu ci vai e ne senti gli intrecci da un capo all'altro della metropoli.

Milano è sempre stata una mamma generosa che ha accolto e confortato e si è fatta carico dei sogni e desideri di molti e lo ha fatto per tanto, tantissimo tempo.
Ma non è stata soltanto madre: Milano è stata anche donna seducente e ammaliante con i suoi teatri sfarzosi e sfavillanti, le sue lussuose vetrine, i ristoranti alla moda, il passeggio di donne e uomini vestiti con raffinati abiti sartoriali. E poi musei e padiglioni allestiti con opere d'arte contemporanea da fare invidia alla Grande Mela, infinite scale mobili dei grandi magazzini, grandi mercati con frutti pregiatissimi.

Quanti biscegliesi hanno trovato lavoro a Milano? Tantissimi e sarebbe bello poter raccontare la storia di ognuno di loro. Certo, tante sono state già scritte ed altre non lo saranno mai. Resteranno taciute perché raccontare la miseria è difficile. La miseria non va esposta, va esorcizzata, allontanata, dimenticata….
È 21 settembre, oggi, di un anno infausto e Milano appare immersa in un'atmosfera silenziosa e ovattata forse per non sentire l'urto dei ricordi di una primavera che sembra non volerci abbandonare.
Il Covid ha cambiato le nostre esistenze. E quando dicevano che nulla sarebbe stato come prima avevamo ragione. Le priorità sono cambiate e i grandi negozi del centro sono quasi vuoti perché vendono cose di cui possiamo fare a meno.

Quando le priorità cambiano non c'è modo di tornare indietro.
Qui a Milano nessuno osa camminare per strada senza la mascherina e se vai in metropolitana e ti senti osservato è soltanto perché non l'hai indossata bene, non hai coperto bocca e naso ed una voce ti consiglia di scendere per consentire agli altri passeggeri di viaggiare meglio e più sicuri.
Il dolore e la paura qui hanno lasciato un segno e i segni li vedi appesi ai balconi dei grandi edifici, balconi dai quali le famiglie hanno cantato e respirato durante la quarantena. E sognato con profonda nostalgia di poter tornare al paese d'origine e rivedere il mare.
Chi oggi crede ancora che il Covid non esista e sia una normale influenza non ha visto queste città, non ne ha ascoltato il silenzio.

La nostalgia non è una malattia, è un sentimento che riesce a mantenere vive le cose, ti riporta indietro per consolarti e dà sapore alle giornate. La nostalgia ci rende umani, ci fa vivere il passato troppo spesso dimenticato. La nostalgia è una macchina del tempo che ora lo rallenta per afferrare quello che non c'è ora corre veloce per fuggire e non sentire quanto vuoto e inconsistente possa essere il nostro presente.
La nostalgia è un inno alla vita e tiene aperto uno spazio del cuore che ci fa gioire anche di un'assenza.
  • Stefania D'Addato
Altri contenuti a tema
Pasolini. Perché celebrarlo oggi Pasolini. Perché celebrarlo oggi Sul dialetto e oltre
«Parliamo d'amore per combattere la violenza di genere» «Parliamo d'amore per combattere la violenza di genere» Incontro organizzato da "La città possibile" al teatro don Luigi Sturzo
Omaggio ad Astor Piazzolla al Parco delle Beatitudini Omaggio ad Astor Piazzolla al Parco delle Beatitudini Evento promosso da "La città possibile" e ideato dalla Nuova Accademia Orfeo
Nuova Accademia Orfeo aderisce a "La città possibile" Nuova Accademia Orfeo aderisce a "La città possibile" Ulteriore ingresso nell'ambizioso progetto di rinnovamento culturale
Dolci come lo zucchero Dolci come lo zucchero Rubrica di cultura e società
«Cinque giornate che non dimenticheremo» «Cinque giornate che non dimenticheremo» Stefania D'Addato: «"La città possibile" ha dato voce a poeti, filosofi, artisti musicisti e storici regalando intense emozioni»
Festa della cultura, grande partecipazione alla prima serata Festa della cultura, grande partecipazione alla prima serata Mercoledì conferenza su Pompeo Sarnelli
Michele Cucuzza ospite de "La città possibile" Michele Cucuzza ospite de "La città possibile" Il popolare giornalista presenterà la sua ultima fatica letteraria nella cornice di Villa Consiglio
© 2001-2022 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.