Pablo Rigante
Pablo Rigante
Buongiorno

Come avremmo potuto non volerti bene?

Il blog di Vito Troilo

Sono qui, al bar della benza. In fondo, dove altro potrei essere a mezzogiorno, se non in "ufficio"?
Ti sto aspettando. Confido nel tuo arrivo impetuoso, dissacrante, col sorriso sulle labbra.

Non mi farò mai una ragione della tua assenza, anche e soprattutto perché ci sarai sempre.
Ci sei adesso, nei ricordi degli amici che leggo sui social.
Ci sarai ancora, negli aneddoti che continueremo a ricordare e nelle storie che racconteremo a chi non ha goduto del privilegio di conoscerti.

Ti rivedrò spesso negli occhi delle persone che ora provano un dolore inestimabile: penso a Valerio, a Ornella, a Ciccio, a Eugenio, a Onofrio. Al tuo caro papà. E agli altri tuoi amici più stretti, di una vita.

Oggi, per la prima volta, il giornalista lascia spazio all'uomo. Non riuscirei a scrivere di te col distacco necessario. Non potrei evitare di definirti il fratello maggiore che ciascuno di noi, ragazzi biscegliesi tra i 30 e i 40 anni, avrebbe desiderato avere.
Come avremmo potuto non volerti bene? Come avremmo potuto non imparare da te, ogni giorno di più, quale sia il vero significato del termine "vita"?
Quello che sei stato in grado di lasciare in dote a migliaia di persone con le quali hai incrociato la strada lo leggiamo solo in minima parte, ora che il tuo viaggio su questa terra si è concluso. Perché gran parte del tesoro d'amore, d'affetto, di conoscenze, di insegnamenti che ci hai affidato la porteremo e custodiremo nei nostri cuori.

Sono qui, al bar della benza.
Sorrido pensando alla frase che un bel giorno, improvvisamente, pronunciasti in vernacolo, trasformandola in un mantra: «Èmma vedà ci l'òve achiude chèra cazze de pórte!». Perentorio, divertente, irresistibile. Unico.
Pablo, amico mio, come avremmo potuto non volerti bene?
  • Pablo Rigante
Altri contenuti a tema
«Hai saputo umanizzare la malattia e la morte» «Hai saputo umanizzare la malattia e la morte» L'ex sindaco Biagio Lorusso ricorda Pablo Rigante
Libri nel Borgo Antico ricorda Pablo Rigante Libri nel Borgo Antico ricorda Pablo Rigante Su BisceglieViva la conversazione di Largo Castello dello scorso agosto
Pablo... Pablo! Pablo... Pablo! L'omaggio in versi di Nicola Ambrosino
Pablo Rigante, lo showman del diritto Pablo Rigante, lo showman del diritto Quando lavoro è sinonimo di allegria e competenza
«Hai dato speranza e forza a tanti cittadini che affrontano la malattia in silenzio» «Hai dato speranza e forza a tanti cittadini che affrontano la malattia in silenzio» Il cordoglio del sindaco Angarano per la scomparsa di Pablo Rigante
1 È morto l'avvocato Pablo Rigante È morto l'avvocato Pablo Rigante Avrebbe compiuto 45 anni il prossimo 16 ottobre
Un commosso ricordo di Nadia Toffa a Libri nel Borgo Antico Un commosso ricordo di Nadia Toffa a Libri nel Borgo Antico Il valore delle testimonianze dei guerrieri in lotta contro i tumori in un fuori programma
Maggioranza, volano stracci sui social Maggioranza, volano stracci sui social Pablo Rigante e Rossano Sasso non se le mandano a dire
© 2001-2020 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.