Raffaele Fitto e Michele Emiliano
Raffaele Fitto e Michele Emiliano
Buongiorno

La Puglia sballottata

Il blog di Vito Troilo

La capacità di cogliere i segnali dell'elettorato, specie nelle consultazioni di respiro locale, è essenziale per la definizione della statura di un leader politico. L'analisi dell'esito di questa tornata amministrativa non indurrebbe neppure il più schierato dei commentatori a ritenere rafforzata l'immagine di Matteo Renzi. Lo sconfitto eccellente dai risultati dell'11 e del 25 giugno è senza dubbio il segretario del Pd. Non il Partito Democratico: non in Puglia.

I ballottaggi hanno ridisegnato la geografia politica della regione: è caduto un feudo storico del centrodestra, quello di Lecce. La città di Adriana Poli Bortone (proprio in questi giorni, non senza sorpresa, inclusa nella giunta di Matera) e di Paolo Perrone (uscente che ha comunque ben lavorato), la terra di Raffaele Fitto. Il giornalista Mauro Giliberti non è riuscito a diventare sindaco: considerando i poco rassicuranti precedenti dei colleghi pugliesi che nel recente passato hanno affrontato e vinto la campagna elettorale per le comunali (Mimmo Consales a Brindisi fu addirittura arrestato, Paola Natalicchio a Molfetta è stata costretta a dimettersi ed è stata rieletta per un soffio in consiglio comunale, Pasquale Cascella a Barletta è da anni in balìa dei capricci di Mennea e Caracciolo), in fondo al direttore del tg di Telerama e inviato dal Salento di "Porta a porta" non è andata poi così male...

Fitto è stato... trafitto persino a Canosa. La scoppola rimediata dal buon Francesco Ventola ha del clamoroso: per lo spessore di Sabino Silvestri, uomo di sport e di cultura, candidato incredibilmente sconfitto nonostante avesse sfiorato la vittoria al primo turno e per l'inevitabile portata storica dell'affermazione di un esponente del Movimento 5 Stelle, che ha conquistato per la prima volta la guida di un comune della Bat, sbancando anche Mottola e Santeramo.

Knockout di proporzioni notevoli quello incassato da Antonio Azzollini nella sua Molfetta, che ha scelto Tommaso Minervini preferendolo a Isa De Bari. Una botta durissima che stenderebbe chiunque ma il senatore, che è uomo di spirito, ha più volte dimostrato di sapersi rialzare. Conferme di rilievo quelle ottenute da Ninni Gemmato (Fratelli d'Italia) a Terlizzi e soprattutto Tommaso Depalma a Giovinazzo, contro il quale è stata scatenata una serie di attacchi personali incomprensibili e inutili, soprattutto da parte di chi, nel 2017, non ritiene concepibile che un elettricista possa amministrare un comune. Non riusciamo proprio a comprendere per quale motivo si debba essere per forza laureati o esercitare determinate professioni per essere ritenuti capaci di gestire un ente locale. Visione classista e novecentesca superata dell'espressione democratica del voto: un premio obiettivamente meritato nei confronti di un'amministrazione che ha migliorato Giovinazzo.

Il tratto caratterizzante del voto sul territorio è l'alto gradimento riscontrato dagli esponenti del Partito Democratico e del centrosinistra più vicini a Michele Emiliano, che si è speso fortemente per Minervini a Molfetta (specie sulla vicenda dell'ospedale) tanto quanto per l'uscente Francesco Ancona, rieletto a Martina Franca in una competizione rocambolesca (inizialmente era stato escluso dal ballottaggio ma un riconteggio gli aveva consentito di risalire al secondo posto). Il presidente della regione è l'indiscusso trionfatore di queste amministrative: sua la benedizione all'apparentamento tra Rinaldo Melucci e l'ex magistrato Franco Sebastio per la riunificazione del centrosinistra che si è poi imposto a Taranto. La Puglia, senza indugio, ripiega su Michele. Una netta controtendenza rispetto ai dati nazionali.

La sintesi di questo passaggio è presto compiuta. Il centrodestra unito è competitivo anche per una vittoria alle politiche. Il Movimento 5 Stelle avanza, seppure lentamente, vincendo otto ballottaggi su dieci. Il Partito Democratico è ostaggio del suo leader: Renzi non è e non sarà mai un federatore ed è chiaro che l'unica prospettiva di costruzione di una coalizione di centrosinistra è la rinuncia del segretario dem alla candidatura a premier. Buonanotte.
  • Elezioni
  • forza italia
  • Michele Emiliano
  • pd
  • elezioni politiche
  • Elezioni amministrative
Altri contenuti a tema
1 Europee, la lista del Partito Democratico per il sud Europee, la lista del Partito Democratico per il sud Nell'elenco l'uscente Elena Gentile, di origini biscegliesi
Boccia: «Centrosinistra unito argine alla destra di Salvini» Boccia: «Centrosinistra unito argine alla destra di Salvini» Il deputato del Pd ha criticato il Def presentato nei giorni scorsi in Parlamento
Europee, la lista di Forza Italia per il sud. C'è Sergio Silvestris Europee, la lista di Forza Italia per il sud. C'è Sergio Silvestris L'ex parlamentare europeo biscegliese nell'elenco dei 18 candidati nella circoscrizione Italia meridionale
Patto per la Puglia e utilizzo fondi europei, Emiliano è soddisfatto Patto per la Puglia e utilizzo fondi europei, Emiliano è soddisfatto «Stiamo spendendo ben oltre il target che ci era stato indicato»
1 Bersani racconta perché "C'era una volta la sinistra". O forse c'è ancora Bersani racconta perché "C'era una volta la sinistra". O forse c'è ancora Vecchie Segherie Mastrototaro stracolme per il confronto col presidente di Articolo 1, il deputato dem Francesco Boccia e i giornalisti Padellaro e Truzzi
Fabrizio Ferrante a Boccia: «Quindi avevamo ragione noi su Angarano...» Fabrizio Ferrante a Boccia: «Quindi avevamo ragione noi su Angarano...» Il presidente del consiglio comunale di Trani: «Eppure due settimane fa ci faceva lezioni sull'apertura del Pd alle amministrazioni civiche»
Sergio Silvestris firma la candidatura per le elezioni europee Sergio Silvestris firma la candidatura per le elezioni europee Sarà in corsa con Forza Italia nella circoscrizione sud
Silvestris dà il via da Bisceglie alla sua campagna per le europee Silvestris dà il via da Bisceglie alla sua campagna per le europee «Mi piacerebbe poter riprendere il filo del discorso per riportare la nostra terra in alto in Europa»
© 2001-2019 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.