Scolari biscegliesi a lezione a pochi passi dal mare
Scolari biscegliesi a lezione a pochi passi dal mare
Buongiorno

La scuola resiliente e una politica non all'altezza

Confusione in Puglia sulla didattica a distanza o in presenza

Non sono trascorse che tre settimane dall'apparizione, sui social, di una foto ritraente degli alunni di scuola primaria nel corso di una lezione all'aria aperta, a pochi passi dalla riva del mare di Bisceglie benché adeguatamente distanziati fra loro. Una bella iniziativa, senza dubbio, quella assunta dalle insegnanti della classe in questione.

Eppure sembra passato un secolo da quel momento. Spiace prendere atto, meno di un mese dopo quell'episodio, dello stato confusionale in cui versa, suo malgrado, l'istituzione scolastica sul territorio pugliese. La responsabilità, in questo caso, è tutta di una politica che dà la netta impressione di non essere nemmeno lontanamente all'altezza della situazione.

Gli psicologi hanno da tempo lanciato l'allarme sulle ripercussioni, in termini di carenze affettive (mi si passi la banalizzazione), cui intere generazioni di bambine, bambini, ragazze e ragazzi rischiano di andare incontro. Ragionandoci su mi sono chiesto quale immenso valore, a dispetto di ciò che ho pensato all'inizio, rivesta quella matttinata al mare vissuta il 14 ottobre agli occhi degli scolari, soprattutto alla luce delle incertezze sul loro futuro prossimo.

Secondo il Governo, gli studenti pugliesi delle primarie e delle scuole secondarie di primo grado (ovvero di "elementari" e "medie inferiori") dovranno tornare a fare didattica in presenza a partire da venerdì 6 novembre.

Il presidente della Regione Michele Emiliano e l'assessore alla sanità Pier Luigi Lopalco si sono affrettati, al contrario, a far sapere che resteranno in vigore le loro disposizioni secondo cui la didattica in presenza è stata abolita per tutte le classi d'insegnamento salvo eccezioni riguardanti gli alunni con esigenze specifiche, che a loro volta possono fare lezione in classe con una quota ridotta di compagni (ragione per cui alcuni istituti si sarebbero già mossi prevedendo un tetto massimo del 25% degli studenti di una classe presenti fisicamente a scuola).

«Esistono maestre come Chiara Cassanelli e Giusi Camero che hanno fatto della resilienza una prerogativa di vita e che guardano il mondo dall'altezza dei bambini» ho letto in quel post di metà ottobre che accompagnava la foto dei bambini a lezione davanti al mare di Bisceglie. La politica, a giudicare da quello che accade, non si sforza di guardare il mondo dall'altezza dei bambini. La superficialità, la faciloneria, la sufficienza e la scarsa considerazione con le quali si continua a trattare la scuola da ultima ruota del carro - in Italia e soprattutto in Puglia - costituiscono la "cifra" di una classe dirigente cui è fin troppo semplice immaginare quale voto darebbero le due eccellenti insegnanti biscegliesi.
  • Covid
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti

2613 contenuti
Altri contenuti a tema
Covid in Puglia, impennata di casi positivi nelle ultime ore Covid in Puglia, impennata di casi positivi nelle ultime ore Tasso superiore al 30%: dati preoccupanti
Covid in Puglia, attualmente positivi sopra quota 35 mila Covid in Puglia, attualmente positivi sopra quota 35 mila Registrati 3 decessi nelle ultime ore
Covid in Puglia, oltre 8600 decessi dall'inizio dell'emergenza Covid in Puglia, oltre 8600 decessi dall'inizio dell'emergenza Prosegue l'aumento degli attualmente positivi e dei ricoverati
Covid in Puglia, boom di ricoverati nelle ultime ore Covid in Puglia, boom di ricoverati nelle ultime ore Attualmente positivi sempre in aumento
Covid, la curva dei contagi si impenna: grosso rischio per gli ospedali Covid, la curva dei contagi si impenna: grosso rischio per gli ospedali La Federazione Cimo-Fesmed: «Personale sanitario stremato e insufficiente»
Covid in Puglia, superati i 30 mila attualmente positivi Covid in Puglia, superati i 30 mila attualmente positivi Oltre 3000 casi nelle ultime 24 ore
Covid in Puglia, nuova impennata di casi: quasi 30 mila attualmente positivi Covid in Puglia, nuova impennata di casi: quasi 30 mila attualmente positivi Il numero dei ricoverati scende leggermente ma si registrano 11 decessi nelle ultime ore
Covid in Puglia, sensibile aumento dei ricoverati Covid in Puglia, sensibile aumento dei ricoverati Gli attualmente positivi continuano a salire
© 2001-2022 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.