Mercato
Mercato
Economia e lavoro

Coronavirus e crisi degli ambulanti, il grido d'allarme di Fiva-Confcommercio

Nazzarini e Carriera, col presidente nazionale Errico, chiedono risposte concrete per una categoria in enorme difficoltà

Fiva-Confcommercio lancia un grido d'allarme, amplificato sul territorio anche da Leo Carriera, direttore Confcommercio Bari-Bat.

«Abbiamo diligentemente seguito le disposizioni del governo, delle istituzioni locali e delle autorità sanitarie e scientifiche ma ora siamo esasperati» ha dichiarato Giacomo Errico, presidente nazionale della Federazione italiana venditori ambulanti. Le sue preoccupazioni sono condivise anche dal rappresentante biscegliese di Confcommercio.

«Non siamo invisibili e vogliamo tornare a lavorare, ma le amministrazioni locali devono salvaguardare al massimo le attività degli operatori su aree pubbliche. Abbiamo urgenza e necessità che vengano azzerati i tributi per l'occupazione di suolo pubblico e per la tassa sui rifiuti. È un paradosso: siamo chiusi e paghiamo le tasse» ha sottolineato il presidente della Fiva.

«La politica e il governo ci ascoltino: non ci servono indennità una tantum ma chiediamo provvedimenti concreti, di immediata attuazione e senza burocrazia, per il sostegno creditizio e per l'ottenimento di liquidità, anche in parte a fondo perduto. E soprattutto regole certe per riaprire e quindi si faccia chiarezza nel caos dei codici Ateco perché è davvero incomprensibile che tra le attività consentite di commercio al dettaglio non sia contemplato il comparto di vendita su aree pubbliche» ha rimarcato Errico.

La chiusura della quasi totalità delle attività di commercio su aree pubbliche in conseguenza dell'emergenza Coronavirus - 176000 imprese con circa 400000 tra titolari, dipendenti e collaboratori - comporterà per il settore, se non si riapre entro luglio, una perdita di oltre 10 miliardi di euro con il rischio che un terzo delle sue imprese chiuda definitivamente (circa 60mila).
Se mercati e fiere non riaprono in tempi brevi, seppur con gradualità e rispettando tutti i protocolli sanitari, il settore rischia il tracollo. Perché le imprese non sono strutturate sul piano economico per sopravvivere in queste condizioni e il danno lo pagheranno anche le famiglie e i consumatori che non avranno più un servizio utile e di prossimità che questa tipologia di vendita ha sempre assicurato in tutte le città.

Il biscegliese Andrea Nazzarini, vicepresidente Nazionale della Fiva, auspica che le ripetute istanze che stanno pervenendo al Governo da parte della categoria possano immediatamente ricevere risposte concrete, ma soprattutto realizzabili, per la categoria.
  • commercio
  • Leo Carriera
  • Confcommercio Bisceglie
  • Andrea Nazzarini
  • Fiva
  • Covid
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti

1431 contenuti
Altri contenuti a tema
Boccia: «Far nascere Gesù due ore prima non è eresia». Polemica sulle parole del ministro Boccia: «Far nascere Gesù due ore prima non è eresia». Polemica sulle parole del ministro Gli affondi di Salvini e Meloni, l'attacco di un altro biscegliese illustre, Monsignor Giovanni Ricchiuti
Superati i 50mila casi positivi in Puglia dall'inizio dell'emergenza Superati i 50mila casi positivi in Puglia dall'inizio dell'emergenza Tasso di occupazione delle terapie intensive al 42%. 15 decessi nella Bat nelle ultime ore
Soldani: «Sciogliere urgentemente il nodo della malattia per i commercialisti» Soldani: «Sciogliere urgentemente il nodo della malattia per i commercialisti» Il biscegliese, presidente dell'Odcec di Trani, esorta i parlamentari del territorio a garantire la tutela della categoria nell'eventualità di contagi
Fials: «Nuove mascherine professionali, l'Asl ha accolto le nostre segnalazioni» Fials: «Nuove mascherine professionali, l'Asl ha accolto le nostre segnalazioni» Somma e Di Liddo: «Tutelare la salute e la sicurezza negli ambienti di lavoro deve restare una priorità»
95 nuovi ricoverati e 52 decessi nelle ultime 24 ore 95 nuovi ricoverati e 52 decessi nelle ultime 24 ore Quasi 50mila casi di positività in Puglia dall'inizio dell'emergenza
Oltre 900 guariti e 30 decessi nelle ultime 24 ore Oltre 900 guariti e 30 decessi nelle ultime 24 ore Quasi 35mila attualmente positivi in Puglia
«Chiusura alle 19». L'appello di Angarano ai commercianti non inclusi nell'ordinanza «Chiusura alle 19». L'appello di Angarano ai commercianti non inclusi nell'ordinanza Il primo cittadino: «Lo sforzo e l'aiuto di tutti può fare davvero la differenza»
Scontro politico sul conto corrente del Comune per l'emergenza Covid Scontro politico sul conto corrente del Comune per l'emergenza Covid Spina chiede che fine abbia fatto il denaro, l'amministrazione risponde
© 2001-2020 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.